CAMPIONATO 2015-2016 – CALCIOSCOMMESE: INCHIESTA DELLA PROCURA. PERQUISIZIONI DELLA FINANZA. 40 INDAGATI, C’E’ L’EX ARTURO DI NAPOLI

23 Marzo 2017 Inchieste/Giudiziaria

C’è una nuova inchiesta della Procura sul Calcioscommesse in città. Perquisizioni e sequestri in studi professionali e abitazioni private della città sono stati effettuati dalla Guardia di Finanza nella giornata di martedì. E’ quanto rivela in un articolo questa mattina Nuccio Anselmo su Gazzetta del Sud. L’indagine avviata nei mesi scorsi dal sostituto procuratore Francesco Massara vedrebbe indagate una quarantina di persone tra professionisti, calciatori e scommettitori illegali. Associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva e truffa i reati al momento contestati. Al centro di tutto c’è secondo la Procura l’ex calciatore Arturo Di Napoli, in arte “Re Artù”. Secondo la Procura sarebbe stato ‘predeterminato’ il risultato, con l’effettuazione di scommesse sportive, anche investendo migliaia di euro, quando si era già a conoscenza del risultato finale delle partite, provocando profitti illeciti con danni rilevanti per i gestori delle agenzie di scommesse. Sotto i riflettori le scommesse per varie migliaia di euro che sono “girate” nelle varie agenzie di scommesse su quattro partite “incriminate” dell’Acr Messina, tra il 1. dicembre 2015 e il 30 maggio 2016, nel girone C di Lega Pro. Le partite sono Casertana-Messina del 21 dicembre 2015 (4-1); Messina-Martina Franca del 9 gennaio 2016 (0-5); Messina-Paganese del 14 febbraio 2016 (2-2).