Mafia: processo Borsellino quater, Salvatore ‘c’è un giudice a Berlino’

“Sono lieto di questa conclusione del processo: c’è un giudice a Berlino”. Commenta così la sentenza di stasera l’ingegner Salvatore Borsellino, fratello del giudice assassinato a via D’Amelio, nonché fondatore del movimento delle “Agende Rosse” in memoria di Paolo. “Ogni tanto arriva qualche notizia positiva. Ci tenevamo in maniera particolare – e l’abbiamo chiesto come parte civile – che Vincenzo Scarantino venisse scagionato. Il reato di calunnia è stata dichiarato estinto dai giudici nisseni per prescrizione. Scarantino è stato vittima, a sua volta, di un depistaggio”.

 

“Il fatto che i condannati siano i boss di una famiglia mafiosa, piuttosto che di un’altra, per me ha poca importanza – prosegue Borsellino – Ma le conclusioni di questo processo dimostrano chiaramente che alla base della strage ci sono dei pezzi dello Stato. Sono loro la mente organizzativa, mentre i mafiosi ne sono stati gli esecutori materiali. A noi interessa che su questo si vada fino in fondo. Anche rispetto a chi ha avallato quei processi, il Borsellino 1 e 2, a chi ha avallato i depistaggi”.

 

“La sentenza odierna – conclude Borsellino – riconosce inoltre la bontà, da parte della Corte, delle tesi presentate dall’avvocato di parte civile Fabio Repici ed è dunque un importante riconoscimento al suo impegno nel corso di tutti questi anni, al suo lavoro”.

Nessun Commento

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register