15 Giugno 2017 Sport Cultura Spettacolo

LA STORIA: Stefano Mancuso, il botanico messinese che “sta cambiando il mondo”

Il “New Yorker” lo ha inserito nella classifica dei “world changers”, le personalità che stanno cambiando il mondo, uno scienziato capace di analizzare tra i primi le potenzialità dell’intelligenza “silenziosa e sconosciuta” delle piante e dei fenomeni complessi legati al mondo vegetale. Stiamo parlando di Stefano Mancuso, il botanico originario di Patti che è diventato una figura di riferimento internazionale, direttore del Laboratorio Internazionale di Neurobiologia vegetale (LINV) dell’Università di Firenze, docente in Giappone, Svezia, Francia, membro fondatore dell’”International Society for Plant Signaling & Behavior”, autore di testi sul mondo delle piante tradotte in una ventina di lingue, che hanno ricevuto premi quali “The science book of the year” 2016 del ministero della ricerca austriaco. Di recente “Le Monde” ha dedicato addirittura la prima pagina, con la foto di Mancuso in primo piano, alle straordinarie scoperte della “neurobilogia vegetale”

Un luminare della biodiversità e dell’ecocompatibilità, capace di analizzare la memoria delle piante, la loro capacità di adattamento, la loro capacità organizzativa, le potenzialità vegetali per combattere l’inquinamento ambientale tramite la “fitorimediazione”: “Le piante incarnano un modello molto più resistente e moderno di quello animale; sono la rappresentazione vivente di come solidità e flessibilità possano coniugarsi. La loro costruzione modulare è la quintessenza della modernità: un’architettura cooperativa, distribuita, senza centri di comando, capace di resistere alla perfezione a ripetuti eventi catastrofici senza perdere funzionalità e in grado di adattarsi con grande rapidità a enormi cambiamenti ambientali”, scrive nel recente saggio Plant Revolution, edito da Giunti.

Per divulgare le sue innovative teorie sull’intelligenza delle piante e sulle dinamiche del mondo vegetale, che risulta molto sensibile alle vibrazioni musicali, Mancuso sta portando in tour lo spettacolo Bota-nica”. L’Universo vegetale tra scienza e musica con i musicisti Max Casacci, Riccardo Sinigallia, Gianni Maroccolo e Vittorio Cosma, e sta collaborando con il simpatico direttore d’orchestra, noto per le sue esibizioni sanremesi, Beppe Vessicchio, che sta sperimentando l’effetto della musica sulle coltivazioni.Uno scienziato-pioniere originale che “sta cambiando il mondo”, orgoglio della nostra terra.

 

Sergiodg