#FOTO# – MIGRANTI, NUOVI ARRIVI ANCHE A REGGIO CALABRIA: A MESSINA SBARCATI 417 MIGRANTI SENEGALESI. 93 LE DONNE, 10 DELLE QUALI INCINTE. NUMEROSI I MINORI

FOTO DI ENRICO DI GIACOMO e PIPPO STILO

Sono 1.066 i migranti sbarcati nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave “Vos Hestia” di Save the Children. 835 uomini, 231 donne. 296 i minori: di questi, 55 non sono accompagnati. Provengono quasi tutti dall’Eritrea, dalla Somalia e dal Bangladesh. Sei migranti sono arrivati in Calabria affetti da varicella, 250 i casi di scabbia. Sei le donne in stato di gravidanza scese dalla “Vos Hestia”, tutte incinte di pochi mesi. Il sospetto è che le donne siano state vittime di violenza in territorio libico, prima della partenza. Una donna somala, all’ottavo mese di gravidanza con flebite, edema bilaterale alle caviglie e ferita infetta alla mano destra, è stata trasbordata su un’altra nave per il necessario ricovero in ospedale. Quattro minori sono sotto osservazione: un neonato di quattro giorni, apparentemente in buona salute, e un bambino libico di dieci mesi affetto da danno cerebrale ipossico postpartum, in condizioni stabili, un altro neonato di un mese e mezzo, ed un bambino eritreo di tre anni con esiti di frattura, non trattata, della gamba destra con esiti deformanti. Pronto il trasferimento anche in Sicilia Operativa sin dal primo mattino la macchina dell’accoglienza e di primo soccorso: oltre alla Prefettura di Reggio Calabria e alle forze dell’ordine, impegnati ad accogliere i 1066 migranti anche gli operatori del 118, dell’Usmaf, della Caritas e di altre associazioni di volontariato. La Protezione civile regionale ha provveduto ad allestire per i 250 casi di scabbia il sistema di docce pressurizzate per il trattamento dermatologico. Per la prima volta, il Piano di riparto approntato prevede il trasferimento di un gruppo di cento migranti in Sicilia: 50 ad Agrigento, 25 ad Enna e 25 a Messina.

417 migranti a Messina – E sempre in Sicilia, stamattina sono sbarcati al molo Marconi del porto di Messina 417 migranti originari del Senegal, arrivati a bordo di un pattugliatore maltese. I migranti sono stati recuperati nel corso delle operazioni che, nei gioni scorsi, sono state condotte al largo del Canale di Sicilia. 93 le donne presenti a bordo, 10 delle quali incinte e numerosi minori. Ad accoglierli, al porto, il sistema di accoglienza, da subito attivo I migranti arrivati a Messina verranno trasportati in strutture cittadine, altri in diversi centri nel resto d’Italia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione