Messina e i doppi incarichi. L’assessora Nina Santisi riprende lavoro all’ASP

5 ottobre 2017 Cronaca di Messina

di ANTONIO MAZZEO – Riprende le originarie funzioni di dirigente psicologa e responsabile dell’Unità di formazione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, la dottoressa Antonina Santisi, odierna assessora alle Politiche Sociali del Comune di Messina. In aspettativa senza assegni solo dall’1 marzo 2017 nonostante la sua nomina da parte del sindaco Renato Accorinti risalisse al 24 agosto 2015, Antonina Santisi ha ripreso servizio presso l’ASP l’1 ottobre scorso. Doppio stipendio dunque, presumibilmente ancora sino alla primavera 2018, così come è accaduto per oltre il primo anno e mezzo di mandato amministrativo, con tanto di polemiche da parte di più di un consigliere comunale irritato per l’impegno part time della Santisi all’interno di un assessorato delicatissimo, le cui sorti certamente non dovrebbero dipendere da quelle altrettanto delicate dell’ASP di Messina.

 

Antonina Santisi ha ricoperto numerosissimi incarichi di docente in corsi di formazione in Sicilia e centro-nord Italia; attualmente è pure socia di minoranza dell’Antica Pasticceria Irrera Srl, sede in via XXVII luglio 40 e capitale sociale di 40.000 euro, dedita alla produzione di pasticceria fresca e gelateria, servizio catering, ecc, nonché “sorella” dell’Irrera 1910 Srl (gestione bar e pasticceria), proprietaria dell’omonimo rinomato ritrovo di Piazza Cairoli. Il 98% del capitale di quest’ultima “Irrera” è in mano al consorte della Santisi Giuseppe Denaro, a capo di una miriade di attività che spaziano dall’edilizia, alla compravendita di immobili, dalla ristorazione alla gestione di supermercati, ecc.. Denaro è oggi amministratore unico della Sviluppo Commerciale Rometta Srl, società proponente di un ambizioso piano urbano nella cittadina di Rometta Marea, una cinquantina di milioni di euro d’investimenti promessi per 112.837 metri cubi di costruzioni (un centro commerciale, alberghi, residence con miniappartamenti, bar, ristoranti, un lido attrezzato e porto turistico, ecc.). Meno di una settimana fa, il Consiglio comunale di Rometta ha approvato la variante al PRG presentata dalla Sviluppo Commerciale Srl e che consentirà di fare un passo avanti verso la realizzazione dell’ennesima inutile megaopera “turistica-immobiliare” in una delle località più sfregiate dal cemento di tutta la provincia di Messina.