Elezioni Regionali, esclusa la lista “Micari” con Crocetta capolista

8 ottobre 2017 Cronaca di Messina

“Presenteremo ricorso, chiederemo la riammissione della lista ‘Arcipelago – Micari Presidente’ nel collegio di Messina.Stiamo studiando con attenzione la situazione, stiamo valutando ogni strada possibile per poter competere ad armi pari con le altre coalizioni anche in quella provincia”. Giovanni Di Salvo coordinatore del Comitato elettorale di Fabrizio Micari, candidato del centrosinistra alla Presidenza della Regione Siciliana,annuncia l’immediata presentazione del ricorso contro l’esclusione della lista in cui è candidato il governatore uscente Rosario Crocetta.
La lista Arcipelago, quella nella quale alla fine sono confluiti i candidati del Megafono incluso lo stesso presidente della Regione, è stata infatti esclusa a Messina, il collegio nel quale Crocetta era candidato in compagnia dell’assessora ai Beni culturali Aurora Notarianni. “Entro il termine previsto non risultava depositata né la lista dei candidati né la prescritta documentazione”, recita il verbale notificato questa mattina a Giovanni Rovito, il dirigente cui era stata affidata la consegna degli elenchi al tribunale.

“L’esclusione della nostra lista non appare assolutamente ragionevole dal punto di vista degli interessi generali della democrazia, che vede come principio sovrano la partecipazione dei cittadini alla competizione elettorale. La nostra lista di Messina è completa della documentazione necessaria”, la replica di Rosario Crocetta.

Una grana non da poco, per l’unica lista caratterizzata come “lista Micari”. La presenza a Messina, infatti, oltre ad essere simbolica per la candidatura del governatore uscente (che non è in corsa in nessun altro collegio), ha anche una valenza strategica: la provincia dello Stretto è la terza più popolosa, e Arcipelago Sicilia – che ha già dovuto rinunciare alla lista siracusana – rischierebbe senza i voti messinesi di non raggiungere la soglia di sbarramento, non approdando così all’Ars.
Quella messinese, infatti, non è l’unica coda dell’accordo che ha portato la coalizione di Fabrizio Micari a schierare la lista. Sul colpo di scena di venerdì a Siracusa, adesso, Crocetta adombra addirittura un complotto: «Noi – commenta il presidente uscente – vogliamo capire se ci sono state pressioni per determinare la débâcle e la fuga di persone che ci avevano assicurato il loro impegno e che invece all’ultimo si sono tirate indietro. Chiamerò tutte le dieci persone che ci avevano detto di sì per poi sparire improvvisamente. Qualcuno forse temeva la nostra presenza a Siracusa».