EX SACELIT DI SAN FILIPPO DEL MELA: UN ALTRO DECESSO. UNA STRAGE CONTINUA. 148 MORTI SU 220 DIPENDENTI

Mentre ero impegnato al Ministero della Salute di Roma, in una riunione verso la terza Conferenza Nazionale Governativa Amianto, dove abbiamo presentato le richieste avanzate dal Coordinamento Nazionale Amianto, in qualità di Presidente e nella quale nei vari interventi che si sono susseguiti, è stata messa in risalto l’urgenza di incentivare le ricerche sul Mesotelioma e sulle patologie Asbesto correlate, effettuando centri di eccellenza, appena rientrato a Milazzo, ecco che mi viene data una delle più atroci notizie.

Questa mattina è morto, uno dei colleghi di lavoro, VINCI ANTONIO FRANCO, all’età di 76 anni.

Franco ha lavorato alla Sacelit di San Filippo del Mela dal 21/07/1961 al 11/06/1982 per ben 21 anni. Inizialmente allo scarico e carico dei sacchi di amianto dai carri ferroviari, successivamente nella produzione di pezzi speciali, tubi, canne fumarie, serbatoi in amianto cemento, per poi essere impiegato al montaggio dei tetti in amianto cemento.

Insieme abbiamo fatto sindacato all’interno dell’azienda, insieme abbiamo lottato per ottenere le visite mediche, i controlli ambientali, le tute di protezione, insieme avevamo chiesto per anni quali erano i rischi dell’esposizione, risposta potete mangiare insieme all’amianto, nessun rischio.

Con Franco ho dovuto lottare affinché l’ 08/11/2010 si sottoponesse alla Sorveglianza Sanitaria gratuita, ci sono riuscito, e gli è stata riscontrata: LIEVE SINDROME DISVENTILATORIA MISTA, REPERTO DI FIBROTORACE SINISTRO CON PRESENZA DI ESTESE COTENNE CALCIFICHE DELLA PLEURA PARIETO-COSTALE E DIAFRAMMATICA E CON LIEVE RIDUZIONE DEL VOLUME POLMONARE. A DESTRA NEL LOBO MEDIO SI RILEVANO DUE PICCOLE OPACITA’ ADIACENTI, DI MORFOLOGIA ALLUNGATA, IN PRIMA IPOTESI DI TIPO FIBROTICO. NEL SEGMENTO MEDIALE DEL LOBO MEDIO SI ASSOCIANO STRIE DI TIPO FIBROTICO CON UNA EVIDENTE BRONCHIECTASIA CILINDRACA. Stessa diagnosi riconfermata il 24/05/2011. Il 15/10/2014 e il 15/10/2015. Il 07/09/2017, essendosi sentito male si sottopone a nuova TC Torace con diagnosi: NEOFORMAZIONE PERITONEALE in sostanza MESOTELIOMA PERITONEALE.

Al di là che se ne possa dire, affermare, discuterne scientificamente che il rischio Mesotelioma diminuisce al momento in cui finisce l’esposizione, che esso è legato all’esposizione costante negli anni, ritengo che la Fibra Killer, incubata nell’organismo umano, ne è un esempio il mio carissimo amico Franco, che ha lasciato l’esposizione nel lontano 1982 e dopo 35 anni, dopo circa 7 anni di sofferenze si è ritrovato con un MESOTELIOMA, che in pochissimo tempo lo ha portato alla morte.

Per Franco avevamo effettuato richiesta di riconoscimento di malattia professionale già nel 2011 all’Inail di Milazzo con un risultato, che stanco di essere chiamato a controlli non si è più presentato, con un risultato negativo, ecco che si deve mettere in risalto che il compito del riconoscimento e della quantificazione deve essere effettuata dai medici della Sorveglianza Sanitaria e inviata all’Inail per la sola erogazione.

Con Franco sono 148 i decessi della Sacelit di San Filippo del Mela su 220 dipendenti, ma la rabbia non è il numero, che fa paura, ma il perdere un vero amico, un fratello di tante battaglie, evidenziando che contro il Killer Amianto, in tutti questi anni non siamo riusciti, a livello nazionale, regionale e locale a trovare quelle soluzioni importanti ad evitare che succedesse tutto ciò. SALVATORE NANIA

 

Nessun Commento

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register