Dirty Soccer, assolto l’ex allenatore del Messina Arturo Di Napoli

Il Gup di L’Aquila ha assolto, perché il fatto non sussiste, l’ex calciatore e allenatore del Messina, Arturo di Napoli, dal processo «Dirty Soccer» (oltre 70 le persone coinvolte) che lo vedeva indagato.

Ad annunciarlo è stato il diretto interessato, sul suo profilo Instagram: “Il 2 febbraio 2016 la mia squalifica, ma oggi si chiude una vicenda che ha, per il momento, frenato la mia crescita professionale come allenatore nel momento migliore della mia carriera iniziale. L’assoluzione perché il fatto non costituisce reato mi riempie di gioia e fiducia nella Giustizia. Ringrazio infinitamente i professionisti che mi hanno assistito, lo studio degli avvocati Antonio Fazio e Nicoletta Carè, e l’avvocato Salvatore Staiano, grazie ai quali oggi mi ritrovo il sorriso che questa indagine mi aveva tolto #me #squalifica#tornailsorriso#tempogalantuomo #legapro“.

Di Napoli era accusato di aver alterato la partite L’Aquila-Savona, insieme a Ercole di Nicola e altri. Dai processi sportivi che seguirono le indagini, scaturirono alcune squalifiche che oggi, anche Di Napoli, sta scontando.

«Di Napoli da sempre, in ogni sede, ha reclamato la propria innocenza e la propria estraneità agli addebiti mossi senza smettere mai di crederci anche quando sembrava tutto destinato al peggio. E finalmente viene fatta luce su un fatto che, al momento, sta pregiudicando la promettente carriera di Di Napoli – afferma l’avvocato Antonio Fazio -. La decisione di oggi ci permette di guardare con positività al futuro. Valuteremo le azioni da intraprendere per revisionare la sentenza di squalifica».

Nessun Commento

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register