Pedofilia, il magistrato Gaetano Maria Amato è coinvolto in inchiesta Trento

13 ottobre 2017 Inchieste/Giudiziaria

Nell’inchiesta della Procura di Trento per una presunta rete di pedofili dediti allo scambio di immagini online è coinvolto anche il magistrato dalla Corte d’appello di Reggio Calabria, Gaetano Maria Amato, 58 anni. La notizia del suo arresto era stata diffusa il 2 ottobre scorso. Le indagini, condotte dalla polizia postale di Bolzano e coordinate dal pm trentino Davide Ognibene, sono iniziate circa un anno e mezzo fa dall’analisi del pc di un uomo di 40 anni, altoatesino, residente in val Pusteria.
Sarebbero due indagini parallele quelle condotte dalle Procure della Repubblica di Trento e Messina che vedono coinvolto il magistrato della Corte d’appello di Reggio Calabria Gaetano Maria Amato, di 58 anni, per vicende legate alla pedopornografia. E’ quanto si apprende a Reggio Calabria. Una circostanza che trova conferma nel fatto che Amato è stato arrestato dalla polizia di Messina, il 2 ottobre scorso, su provvedimento del gip nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal procuratore messinese Maurizio De Lucia e dell’aggiunto Giovannella Scaminaci. In quel caso, ad Amato, viene contestato il reato di pornografia minorile. L’indagine della Procura di Trento riguarda invece una presunta rete di pedofili dedita allo scambio di immagini online. In questo contesto il magistrato è indagato proprio per un presunto scambio di materiale pedopornografico. Non è da escludere che le due indagini, nate separatamente, abbiano avuto alcuni punti di contatto. (ANSA)