MESSINA: L’OPERAZIONE ZIKKA SULLE CORSE CLANDESTINE, CHIUSE LE INDAGINI

RASSEGNAWEB DA LETTERAEMME.IT – LETIZIA BARBERA –

Il sostituto procuratore Antonio Carchietti ha chiuso le indagini dell’operazione Zikka che ha sgominato un gruppo dedito all’organizzazione di corse clandestine di cavalli. Sono 12 gli indagati destinatari dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari. La chiusura delle indagini arriva a poche settimane dal blitz condotto dai carabinieri il 14 novembre scorso che ha portato a sei arresti, uno in carcere e cinque ai domiciliari ed all’obbligo di firma per altri tre.

Recentemente il tribunale del Riesame, accogliendo in parte il ricorso della difesa, ha concesso gli arresti domiciliari a Stellario Margareci che si trovava in carcere mentre ha rimesso in libertà il veterinario palermitano Gaspare Francesco Franzino che era finito ai domiciliari. Il tribunale ha sostituito la misura con il divieto di esercizio della professione per un anno. Il tribunale del Riesame ha invece rigettato per altri cinque indagati.
Nel frattempo è arrivato l’atto di chiusura delle indagini che è stato inviato a: Antonio Caruso, Orlando Colicchia, Gaetano De Leo, Gaspare Francesco Franzino, Francesco Guglielmo, Rosario Lo Re, Gabriele Maimone, Stello Margareci, Orazio Panarello, Antonino Rizzo, Francesco Tricomi, Antonio Margareci. A vario titolo il magistrato contesta l’associazione, il maltrattamento di animali, l’organizzazione di corse clandestine di cavalli.
Al centro delle indagini un gruppo con base nella “scuderia Minissaloti” al villaggio Unrra. Le corse clandestine si svolgevano di notte oppure all’alba sia sul lungomare di Santa Margherita, sul viale Giostra, nelle strade del villaggio Cep ed infine i carabinieri hanno scoperto anche una gara a Gaggi.  Queste le “piste” sulle quali i cavalli trainanti calessi gareggiavano e sulle quali si scommetteva. Le vittorie erano poi celebrate su Facebook con video e canzoni napoletane dedicate ai cavalli. Secondo l’accusa a capo del gruppo, ci sarebbe Stello Margareci, considerato l’organizzatore dell’associazione, avrebbe presenziato alle gare, coordinato la gestione dei cavalli, pianificato gli allenamenti e impartito agli altri associati le direttive.

Nessun Commento

Lascia un commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register