BARCELLONA: FILMATI E SMS EROTICI CON UNA MINORENNE. INFERMIERE ASSOLTO IN APPELLO

16 gennaio 2018 Inchieste/Giudiziaria

In primo grado una condanna pesantissima. Ieri sera, in appello, l’assoluzione. E l’assoluzione l’aveva richiesta anche l’accusa, il sostituto procuratore generale Felice Lima. E’ la vicenda, raccontata da Nuccio Anselmo su Gazzetta del Sud, dell’infermiere barcellonese 57enne S.R. (difeso dall’avv. Tommaso Calderone), che finì in carcere nel maggio del 2007 per una storia di sesso e filmati hard con una diciassettenne ‘consenziente’ e in primo grado, nel 2015, venne condannato duramente (7 anni e 2 mesi e 27mila euro di multa). Ieri a tarda serata è giunta la sentenza della sezione penale della corte d’appello di Messina, presieduta dal giudice Alfredo Sicuro che lo ha assolto con la formula “prece il fatto non sussiste”. L’uomo nel 2007 aveva iniziato una relazione a distanza, attraverso immagini e colloqui telefonici con una ragazza che nel 2007 aveva compiuto 17 anni. Poi fu arrestato a seguito della denuncia presentata dalla stessa ragazza che si dichiarò vittima di violenze e limitazioni della libertà personale. La relazione dapprima era stata virtuale poi reale con incontri in Puglia e in Sicilia. La reazione sarebbe durata più di un anno.