Caritas Messina: Trasferito padre Brancato

22 gennaio 2018 Cronaca di Messina

Ancora importanti novità ai vertici della Chiesa messinese. Il discusso direttore della Caritas diocesana p. Giuseppe Brancato (leggi articolo sotto) è stato trasferito a Salina nelle Eolie, per prendere presto possesso di due parrocchie, Maria SS. Addolorata e S. Bartolomeo a S. Marina Salina e Maria SS. del Terzito in Valdichiesa. E’ stato nominato anche direttore della Casa di Riposo Maria SS. del Terzito sempre a Valdichiesa a Salina. Lascia la sua parrocchia di Camaro San Paolo a Messina a p. Antonio Basile, attualmente a Torregrotta, che prenderà anche l’incarico di direttore della Caritas. Le nomine dopo l’avvicendamento alla direzione del seminario arcivescovile dove a mons.Cesare Di Pietro è succeduto don Alessandro Lo Nardo venuto appunto da Salina.

Dall’archivio –

IL CASO – L’INCHIESTA SU TIRRENOAMBIENTE E LE ELARGIZIONI A PIOGGIA: QUEI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE PARROCCHIE MESSINESI GUIDATE DA DON GIUSEPPE BRANCATO, DA GIUGNO NUOVO DIRETTORE DELLA CARITAS DIOCESANA
Don Giuseppe Brancato e i contributi da Tirrenoambiente. Nell’inchiesta della procura di Barcellona denominata ‘Riciclo’ su Tirrenoambiente, che ha portato agli arresti il sindaco di Mazzarrà Salvatore Bucolo e i tre ex ‘Ad’ della società, un punto centrale sono le elargizioni a pioggia che la società distribuiva a favore di parrocchie e privati. Il gip Danilo Maffa sottolinea nell’ordinanza ‘la natura indebita delle predette erogazioni di denaro, evidentemente effettuate dagli amministratori delegati per fini egoistici, seppur con denaro vincolato a ben precisi scopi pubblicistici’. Tra le parrocchie che beneficiavano delle migliaia di euro della società mista ci sono anche quelle di San Paolo Apostolo, a Camaro, (nell’anno 2013 è stato erogato l’importo di 4.500 euro) e quella di San Michele Arcangelo (anno 2009, 2000 euro), entrambe di Messina, entrambe guidate dal parroco Giuseppe Brancato (a Camaro continua ancora il suo ministero). Don Giuseppe, lo precisiamo, non è indagato. Ma padre Brancato, va detto, non è un parroco qualunque. Don Giuseppe Brancato, giovane sacerdote quarantenne, infatti è il nuovo direttore della Caritas Diocesana di Messina Lipari S. Lucia del Mela, nominato con decreto dell’Arcivescovo Mons. Calogero La Piana il 25 giugno 2015. Di questo caso se ne dovrà fare carico Mons. La Piana. Da più parti si vorrebbe che Don Giuseppe facesse un passo indietro, rimettendo il mandato. I rapporti diretti del parroco con chi gestiva Tirrenoambiente senza nessuna vergogna, e in particolare col sindaco Bucolo (tante le foto sul profilo di fb di quest’ultimo in cui vengono ritratti assieme), hanno provocato nell’ambiente diocesano dei mal di pancia, perché ritenuti incompatibili con il ruolo di alta responsabilità (250 parrocchie della diocesi all’interno delle quali operano gruppi Caritas che sono diretti centri di ascolto) che da tre mesi il sacerdote svolge. Una questione di opportunità, insomma. In una recente intervista lo stesso affermava: “Sono fermamente convinto che se la fede ci fa credenti, è la carità a renderci credibili”. Appunto, aggiungiamo noi. Edg

CHI E’ – Ordinato sacerdote il 22 giugno 2002 da mons. Giovanni Marra, Brancato viene nominato vice parroco nella Basilica di San Sebastiano di Barcellona dove svolge il tirocinio pastorale sotto la guida di don Franco Farsaci. Nel settembre dell’anno successivo è chiamato a servire la comunità di Basicò dove resta fino a febbraio 2008, quando viene trasferito a Messina nella parrocchia di San Michele Arcangelo. Nell’ottobre del 2011, l’ultima destinazione, la comunità di San Paolo Apostolo di Camaro Inferiore, dove continuerà ad operare.