Mangialupi, condannato a 12 anni per detenzione illegale di arma da fuoco e droga

31 gennaio 2018 Inchieste/Giudiziaria

Il primo agosto 2017 la Squadra mobile fece una perquisizione a Mangialupi sequestrando mezzo chilo di cocaina ed una pistola. Arma e droga furono trovati in un casolare nella disponibilità di Domenico Quaranta, personaggio noto alle forze dell’ordine. Per la detenzione illegale di arma e droga il gup Eugenio Fiorentino lo ha condannato alla pena di 12 anni e 6 mesi. Domenico Quaranta ha scelto il giudizio con l’abbreviato usufruendo della riduzione di un terzo della pena. Il pubblico ministero Roberto Conte aveva chiesto la condanna a 10 anni e 6ddi  mesi.

Quel giorno gli agenti della Squadra mobile, nell’ambito di controlli eseguiti al rione Mangialupi alla ricerca di armi e droga, perquisirono anche un casolare nella disponibilità di Quaranta. Negli stipetti della cucina, trovarono, avvolta in numerosi involucri trasparenti, circa mezzo chilo di polvere bianca insieme a tutto il materiale per confezionare le singole dosi. Nel corso della perquisizione, in un altro armadietto della cucina, fu rinvenuta anche pistola semiautomatica marca Browning calibro 6.35 con matricola punzonata. Per Quaranta scattò l’arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione di arma comune da sparo clandestina. Letizia Barbera – rassegnaweb da letteraemme.it