Terremoto giudiziario a Barcellona: Il sindaco Materia, “Fiducia nella magistratura”

16 febbraio 2018 Inchieste/Giudiziaria

A poche ore dalla notifica del provvedimento con il quale è stato disposto il divieto di dimora nella città del Longano, il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto, Roberto Materia, affida le sue prime parole ad una nota stampa, diffusa pochi minuti fa. “Come ormai ampiamente noto – si legge – mi è stato notificato stamani provvedimento giurisdizionale che mi fa obbligo di dimora al di fuori del territorio di Barcellona Pozzo di Gotto, provvedimento che è stato adottato nel quadro di un’indagine relativa a vicende di qualche anno addietro e che vede coinvolte anche altre persone. Desidero riferire ai miei concittadini che sono assolutamente sereno, di quella serenità che nasce dall’intimo convincimento, dalla consapevolezza, di avere agito sempre all’interno del percorso tracciato dalla legge, non soltanto in questa vicenda ma in tutta la mia esperienza di vita. A questa consapevolezza si accompagna la fiducia che ho sempre riposto nelle Forze di Polizia e nella Magistratura e che riconfermo anche in quest’occasione. Difenderò la mia posizione, la mia dignità di politico e di uomo, nelle sedi deputate, sostenuto da questi pensieri e dalla professionalità dei miei avvocati, fiducioso, dunque, di poter chiarire tutto in breve tempo”.
Il primo cittadino infine conferma che l’attività della Giunta Municipale, temporaneamente presieduta dal Vice Sindaco, proseguirà regolarmente nei modi previsti dalla legge.
L’avvocato difensore Tommaso Calderone ha già presentato stamattina l’istanza per il ricorso al tribunale del Riesame, che dovrebbe riunirsi entro 10 giorni da oggi per valutare la richiesta di annullamento della misura cautelare.