Messina: Molestie sessuali, condannato a tre anni don Giovanni Bonfiglio

21 febbraio 2018 Inchieste/Giudiziaria

La condanna è stata decisa nel tardo pomeriggio di ieri. Il 57enne sacerdote messinese don Giovanni Bonfiglio è stato condannato a tre  anni dai giudici della prima sezione penale presieduta da Massimiliano Micali, dopo un processo durato quattro anni. Il sacerdote è stato assistito dall’avvocato Antonio Centorrino, mentre il ragazzo e i familiari, costituiti parte civile nel procedimento, sono stati rappresentati dall’avvocato Giovambattista Freni.

La vicenda

Brutta storia a Messina. È quella che coinvolse il parroco di 55 anni indagato e accusato di molestie sessuali su un minore. Si tratta di Giovanni Bonfiglio, ex prete della parrocchia di Tremestieri, una delle più rilevanti e importanti della zona sud della città che già all’epoca era stato allontanato dalla Chiesa di Santa Domenica per rumors sui suoi appetiti sessuali. Quella vecchia punto nera che sfrecciava da Tremestieri a Larderia, passando per la strada statale 114, del resto, non poteva passare inosservata. E come potrebbe essere altrimenti? Una macchina guidata da un parroco con le canzoni di Renato Zero e Laura Pausini a tutto volume. Dopo mesi di silenzio, in seguito all’allontanamento dalla parrocchia di Tremestieri, che all’epoca si era divisa sull’operato di Giovanni Bonfiglio, uscirono a galla i fatti che si svolsero  martedì 28 ottobre 2014 nei pressi della fermata del tram di fronte agli imbarcaderi privati della Caronte. In sostanza il prelato avrebbe più volte palpeggiato un ragazzino nelle parti intime, ma il giovane avrebbe reagito con schiaffi e spinte nei confronti di Giovanni Bonfiglio. Il sacerdote, in seguito agli accertamenti, venne denunciato per molestie sessuali ai danni del minorenne. Le indagini nacquero dal coraggio della vittima che ha parlato degli abusi subiti. Una vicenda posto sotto la lente d’ingrandimento da parte degli agenti della Polizia di Stato, che avrebbero raccolto testimonianze tra i passanti e i passeggeri del tram.