ELEZIONI POLITICHE 2018: Anche a Messina Cinquestelle asfalta gli avversari

5 marzo 2018 Cronaca di Messina

È trionfo del Movimento Cinque Stelle in Sicilia, e l’Isola si conferma roccaforte dei grillini che hanno raccolto un consenso che va oltre il 48 per cento e potrebbero fare il pieno dei seggi assegnati nei 28 collegi uninominali, visto il netto vantaggio dei loro candidati. Un risultato che assomiglia tanto al 61 a zero conquistato dal centrodestra alle politiche del 2001, quando la coalizione guidata da Berlusconi ottenne tutti i collegi della quota uninominale: 20 al Senato e 41 alla Camera. La coalizione di centrodestra si ferma attorno al 30%, con Forza Italia al 20%-21% e la Lega che ottiene comunque un buon risultato tra il 5-6%. In caduta libera invece il centrosinistra, con un risultato tra il 12 e il 1, con i dem intorno all’11 per cento.

Cancelleri esulta su Facebook

«Vi do due notizie veloci. 1 – Siamo la prima forza politica della Sicilia con quasi il 50% dei voti! 2 – Abbiamo confezionato un bel cappotto agli avversari, 28 a 0, abbiamo vinto in tutti i collegi uninominali siciliani», ha commentato stamattina su Facebook il leader siciliano del Movimento, Giancarlo Cancelleri, ringraziando gli elettori.

Crocetta: «Rivolta contro arroganza di Renzi, ora Pd sostenga M5S»

Per l’ex governatore Rosario Crocetta, che scritto un post su Facebook, il risultato «è stata una rivolta contro l’arroganza di Renzi. Ha avuto il trattamento che merita. Adesso», ha detto Crocetta, «il Pd dichiari subito la disponibilità a supportare , anche dall’esterno, un governo a guida M5s. Renzi ha avuto quello che merita, causando, in prima persona, una sconfitta che lui ed i suoi fedelissimi non riuscivano ad immaginare, poiché completamente distanti dalla società. Renzi voleva i voti a favore di un partito di sinistra, attraverso politiche di destra, candidando uomini di destra, impresentabili e cortigiani».

L’affluenza più bassa d’Italia

La Sicilia registra la più bassa affluenza al voto in Italia 62,72% ancora in calo rispetto alle Politiche precedenti quando aveva votato il 64,58% degli elettori. La provincia con la più bassa affluenza è Agrigento col 59,15% seguita da Caltanissetta col 59,4%. Messina è la provincia con l’affluenza più alta 65,25%. A Catania ha votato il 64,09% degli aventi diritto, a Enna il 64,84, a Palermo il 61,47, a Ragusa il 64,69, a Siracusa il 62,03, a Trapani il 63,17%.

 

Ecco tutti i dati (esclusi i candidati e le liste che non hanno raggiunto l’1 %):

UNINOMINALE CAMERA collegio di Messina (304 sezioni su 304, comprende i Comuni di Messina, Villafranca, Saponara, Rometta e quelli della zona jonica fino a Furci)

Francesco D’Uva (M5S) 44,16 %

Matilde Siracusano (Forza Italia) 29,49 %

Pietro Navarra (Pd) 18,90 %

Gabriele Siracusano (Liberi e Uguali) 3,59 %

UNINOMINALE CAMERA collegio di Barcellona (413 sezioni su 413, comprende tutti gli altri Comuni della provincia)

Alessio Villarosa (M5S) 43,71 %

Maria Tindara Gullo (Fi) 34,90 %

Natalia Anna Cimino (Pd) 15,91 %

Francesca Pietropaolo (Liberi e Uguali) 2,49 %

UNINOMINALE SENATO (717 sezioni su 717)

Grazia D’Angelo (M5S) 43 %

Urania Papatheu (Fi) 32,21 %

Fabio D’Amore (Pd) 18.09 %

Gaetano Tirrito (Liberi e Uguali) 2,93 %

PROPORZIONALE CAMERA collegi di Messina, Barcellona e Enna (qui mancano 20 sezioni, siamo a 986 su 1006)

M5S 45,29 %

Centrodestra 31,57 % (Forza Italia 20,85 %, Lega 5,74 %, Fratelli d’Italia 3,73 %, Udc 1,25 %)

Centrosinistra 17,22 % (Pd 14,38 %, Civica Popolare con Lorenzin 1,11 %, +Europa con Emma Bonino 1,09 %, Italia Europa Insieme 0,64 %)

Liberi e Uguali 3,07 %

PROPORZIONALE SENATO collegi di Messina, Barcellona, Enna, Agrigento, Sciacca e Gela (qui mancano ancora circa 500 sezioni, siamo a 2093 su 2598)

M5S 47,97 %

Centrodestra 31,73 % (Forza Italia 20,55 %, Lega 5,53 %, Fratelli d’Italia 4,26 %, Udc 1,39 %)

Centrosinistra 14,53 % (Pd 12,43 %, Civica Popolare con Lorenzin 0,77 %, +Europa con Emma Bonino 1,10 %, Italia Europa Insieme 0,23 %)

Liberi e Uguali 2,62 %

 

AL COMUNE DI MESSINA (254 sezioni su 254):

UNINOMINALE CAMERA

Francesco D’Uva (M5S) 45,00 %

Matilde Siracusano (Forza Italia) 29,37 %

Pietro Navarra (Pd) 19,05 %

Gabriele Siracusano (Liberi e Uguali) 3,76 %

UNINOMINALE SENATO

Grazia D’Angelo (M5S) 43,97 %

Urania Papatheu (Fi) 29,60%

Fabio D’Amore (Pd) 19.47 %

Gaetano Tirrito (Liberi e Uguali) 3,63 %

PROPORZIONALE CAMERA

M5S 44,81 %

Centrodestra 30,24 % (Forza Italia 20,77 %, Lega 5,30 %, Fratelli d’Italia 3,38 %, Udc 0,79 %)

Centrosinistra 18,54 % (Pd 16,51 %, Civica Popolare con Lorenzin 1,28 %, +Europa con Emma Bonino 0,49 %, Italia Europa Insieme 0,25 %)

Liberi e Uguali 3,62 %

PROPORZIONALE SENATO

M5S 43,78 %

Centrodestra 30,44 % (Forza Italia 20,31 %, Lega 5,71 %, Fratelli d’Italia 3,68 %, Udc 0,74 %)

Centrosinistra 19,07 % (Pd 16,97 %, Civica Popolare con Lorenzin 1,27 %, +Europa con Emma Bonino 0,64 %, Italia Europa Insieme 0,19 %)

Liberi e Uguali 3,46 %