Catania, inchiesta sulla corruzione: in cella anche un ex deputato regionale

3 maggio 2018 Inchieste/Giudiziaria

Corruzione per la realizzazione di falsi atti in materia di lavoro in nero. E’ questo l’ambito dell’inchiesta che stamattina ha prodotto un’operazione dei militari del nucleo economico e finanziario della Guardia di finanza di catania. Nel blitz con nove arresti sono stati coinvolti l’ex deputato regionale dei centristi Marco Forzese, l’ex consigliere di Forza Italia  Antonio Nicotra e poi Domenico Amich, direttore dell’Ufficio Territoriale del Lavoro di Catania, la responsabile dell’Ufficio Legale del medesimo Ispettorato, Franco Luca, direttore sanitario dell’Asp di Catania, due professionisti e due imprenditori.

L’accusa a vario titolo è di corruzione continuata, soppressione di atti, falsità materiale e ideologica di atti pubblici in relazione a condotte illecite verificatesi all’interno dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Catania tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018. Sono i reati per i quali i finanzieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito nove provvedimenti firmati dal Gip e richiesto dalla procura della Repubblica: quattro ai domiciliari, cinque in carcere.

I miliari della Guardia di finanza stanno compiendo delle perquisizioni nella sede dell’ufficio provinciale del lavoro alla ricerche di atti da sequestrare. Rassegnaweb – Di Natale Bruno da Palermo.repubblica.it