Inchiesta truffa informatica a Messina, Infocamere :”No violazione registro imprese”

9 maggio 2018 Inchieste/Giudiziaria

In relazione alle notizie sulle indagini della Procura della Repubblica di Messina, InfoCamere precisa in una nota che “non ci sono state violazioni ne’ delle procedure ne’ dei sistemi informatici attraverso cui vengono gestite le iscrizioni o modifiche delle caselle PEC annotate nel Registro delle Imprese delle Camere di commercio, e che nessun dato ufficiale presente nel Registro risulta essere stato alterato”. “Il processo di iscrizione e variazione dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) nel Registro Imprese consiste in una comunicazione telematica effettuata dal rappresentante legale dell’impresa (o da un suo delegato, sulla base di una procura regolata dalla circolare 3616/c 2008 del Ministero dello Sviluppo Economico), sottoscritta con firma digitale e inviata alla Camera di Commercio competente per territorio attraverso il sistema della Comunicazione Unica – prosegue Infocamere -. La comunicazione di iscrizione o variazione cosi’ ricevuta viene poi verificata in Camera di Commercio prima di essere resa pubblica. InfoCamere ha fornito le informazioni richieste ai fini dell’indagine”.