AMMINISTRATIVE: FEDERAZIONE ANTIRACKET, “CERAOLO? SI SAREBBE DOVUTO DIMETTERE”. LA REPLICA, “SU DI ME AFFERMAZIONI SENZA ALCUN FONDAMENTO”

20 maggio 2018 Politica

Tra gli assessori sul palco del Palacultura, al fianco del candidato di centrodestra Dino Bramanti, c’è anche l’ex vicequestore Mario Ceraolo. “Ci guarda un pò con sospetto – è la battuta di Bramanti – , rilassati perché siamo una squadra di gente per bene”. Ceraolo è anche componente dell’ufficio legale della Federazione Antiracket Italiana. E proprio il presidente provinciale della Fai, Giuseppe Foti, ieri ha in qualche modo preso le distanze: “Siamo sempre stati per costituzione fuori dalla scena politica ed equidistanti. Per questo ci ha sorpreso la destinazione dell’avv. Mario Ceraolo, componente dell’ufficio legale della Fai, come assessore di uno dei candidati sindaco nella città di Messina. Rispettiamo la decisione, per altro appresa dalla stampa, nel pieno diritto di ogni cittadino di concorrere alla vita politica ed amministrativa e ricoprire cariche elettive, ma sarebbe stato opportuno che l’avvocato Ceraolo si fosse dimesso preventivamente dai propri incarichi in seno alla Fai”. E non si è fatta aspettare la replica dell’avvocato Mario Ceraolo. “Sono affermazioni destituite di fondamento. Nel momento stesso in cui ho dato la mia disponibilità alla designazione quale assessore presso il comune di Messina a me proposta dal prof. Dino Bramanti che ha fatto leva sulla mia specifica esperienza e formazione per garantire alla città efficaci interventi in materia di legalità e politiche per la sicurezza, ho provveduto subito a darne comunicazione al residente della Fai, Tano Grasso, nonché, pur non essendovi tenuto vista la natura del ruolo di componente dell’ufficio legale, a dimettermi da ogni incarico e ciò per l’estrema correttezza che ha sempre contraddistinti il mio operato. La mia decisione di aderire alla proposta del prof. Bramanti, che continua a ricevere il plauso di tanti messinesi, è dettata dall’unico obiettivo di porre la mia esperienza professionale a disposizione di una città che manifesta un forte bisogno di legalità e sicurezza”.