AMMINISTRATIVE: EMILIA BARRILE INCONTRA I DIRIGENTI DI PALAZZO ZANCA

21 maggio 2018 Politica
Image

Di seguito la nota della Presidente del Consiglio Comunale e candidata sindaco con la lista “Leali-Progetto per Messina-Emilia Barrile SINDACO”, sugli incontri di questi giorni con i dirigenti del Comune di Messina.

“Abbiamo tra le mani il volante di una Ferrari che facciamo funzionale come una 126 scassata”, così la Presidente del Consiglio Comunale e candidata nella lista “LeAli-Progetto per Messina”, Emilia Barrile che, stamani, ha incontrato i dirigenti comunali e continuerà domani, per approfondire le questioni relative ai singoli dipartimenti.

“L’esigenza di rivedere in toto la pianta organica del Comune è pressante. Un’emergenza che era tale anche 15 anni fa: una rivoluzione che non è mai avvenuta per quanto ampiamente annunciata.

Esistono, ancora oggi, uffici con un organico insufficiente e altri nei quali le risorse sono lasciate in stand by, mortificandone le professionalità e il valore. Una professionalità e un valore che invece bisogna sostenere e incentivare con premialità reali che puntino sui risultati raggiunti, e non sulla base di bonus arbitrari, adeguatamente pianificati in modo organico e coerente con gli obiettivi che l’amministrazione ha il dovere di porre e di porsi”, prosegue.

“In questi anni ho visto funzionari e dirigenti lavorare in modo eccellente, altri trovarsi i bastoni tra le ruote per la farraginosità di una macchina amministrativa che non funziona o funziona male. Questo deve cessare di esistere e la logica della rete deve diventare un mantra dentro il Palazzo, nell’interesse dei cittadini che hanno il sacrosanto diritto di ricevere adeguati servizi e dei dipendenti che non meritano di vedere la propria competenza umiliata. Consentiamo loro di fruire di corsi di aggiornamento funzionali alle richieste dell’utenza e a velocizzare la propria attività massimizzando risorse e tempo. Insomma consentiamogli di lavorare bene, una buona volta! A questo si aggiunge il fatto che, troppo spesso, gli uffici versano in condizioni inadeguate e talvolta al limite del fatiscente, una situazione inaccettabile. Riportiamo entro i crismi della decenza le strutture in cui chiediamo ai nostri impiegati di svolgere la propria attività e, finalmente, pensiamo ad una concreta digitalizzazione che consenta di mettere in rete i dipartimenti e ottimizzare le risorse, modernizzando quell’ovvio necessario la nostra macchina comunale” conclude.