MESSINA, L’EMERGENZA IDRICA AL POLICLINICO: VULLO, “COLPA DI UNA BUROCRAZIA MALATA”

22 maggio 2018 Cronaca di Messina

Il Commissario dell’A.O.U., dott. Michele Vullo, interviene sull’emergenza idrica venutasi a creare nella notte tra domenica e lunedì scorsi:

“La rottura dell’impianto idrico del Policlinico G. Martino di Messina non è un evento imprevedibile , anzi era tanto previsto che già nel 2014 la Direzione dell’A.O.U. ha predisposto un progetto  per il rinnovo degli impianti ottenendo un finanziamento di circa 9 milioni di euro.

Nel giugno del 2017 è stato individuata la Ditta fornitrice.

Ciò che è accaduto dopo, rientra nel tradizionale funzionamento della burocrazia nel nostro paese che, invece di essere garante della corretta applicazione delle regole, si trasforma in un perverso meccanismo di ricorsi, giudizi, controricorsi, che bloccano i lavori, trasformando ciò che poteva essere una normale attività di manutenzione, in emergenza.

Esprimiamo, quindi, viva preoccupazione per il contenzioso, ancora in corso, tra le ditte che hanno partecipato alla gara, e per i tempi della giustizia amministrativa inevitabilmente non in grado di cogliere gli aspetti emergenziali dei singoli casi.

Prolungare, ulteriormente, il contenzioso aumenterà il rischio di guasti all’impianto idrico di sempre maggiore gravità. Occorre, quindi, che le Istituzioni intervengano con la necessaria consapevolezza per impedire sospensioni di attività del policlinico.

Alla Direzione Strategica rimane il conforto di un impegno diffuso, che attraverso l’attivazione dell’unità di crisi interna, ha permesso di limitare i disagi.

A tutti gli operatori, medici, infermieri, tecnici, ecc. che si sono impegnati nell’affrontare la crisi e ridurre i disagi agli assistiti va il nostro ringraziamento.

Un sentito ringraziamento va, altresì, al Comune di Messina e all’AMAM, che si sono resi immediatamente disponibili a supportare l’Azienda nell’affrontare l’emergenza”.