Messina, lavavetri aggredisce un altro lavoratore della Caronte&Tourist: situazione insostenibile alla Rada San Francesco

3 Giugno 2018 Senza categoria

Dopo l’ennesimo episodio di aggressione da parte di un questuante extracomunicatario ai danni di un addetto verificatosi nella mattinata di oggi agli imbarchi di Rada S. Franceso il Gruppo Caronte&Tourist rende noto quanto segue.
“La recrudescenza di tali fenomeni e la delicata e complicata gestione delle condizioni di sicurezza del piazzale d’imbarco di Rada San Francesco e in particolare della zona in prossimità del semaforo all’incrocio tra il viale della Libertà e il viale Giostra, all’ingresso del “serpentone” è stata segnalata più volte dal Gruppo Caronte&Tourist alla Prefettura e alla Questura di Messina. Ma nonostante ciò Rada San Francesco, la “porta” della Sicilia, biglietto da visita dell’Isola per tutti i turisti, è ancora regolarmente “presidiata” da squadre di ambulanti, questuanti, lavavetri che non esitano a importunare i clienti che rifiutano le loro richieste e profferte – peraltro espresse sempre in termini estremamente pressanti – nonché a reagire (anche violentemente) agli addetti alla sicurezza del piazzale che li invitano a desistere e allontanarsi.
Relativamente all’episodio verificatosi nella mattinata di oggi, i dipendenti della Stretto Service, che gestisce il servizio di vigilanza non armata, hanno ancora una volta ripetutamente informato le Forze dell’ordine dell’accaduto. Queste ultime oltre a essere comprensibilmente impegnate in altri e ben più rilevanti servizi, hanno manifestato, ancora una volta, la loro impossibilità di ottenere risultati di significativa concretezza poiché in molti casi la condizione di richiedenti asilo esclude anche la possibilità di essere sottoposti a fermo di polizia. Va sottolineato che la Caronte & Tourist SpA, già nell’agosto dell 2017 ha pensato di operare in autonomia, investendo mezzi propri per garantire sicurezza ai propri clienti e presentando alla Prefettura di Messina istanza di rilascio della licenza “per gestire direttamente i servizi di sicurezza sussidiaria ai sensi degli artt. 1 e 2 del decreto 15 settembre 2009 in Messina, nelle aree di demanio marittimo in concessione (Rada San Francesco)”. Allo stato tuttavia non si ha notizia circa l’esito dell’istanza”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione