Ballottaggio, Accorinti: nessun appoggio. Entrambi alternativi al nostro modo di pensare

16 Giugno 2018 Politica
Il prossimo 24 giugno i messinesi dovranno scegliere il futuro sindaco tra Dino Bramanti e Cateno De Luca. Il voto è un esercizio sacro di libertà e democrazia e noi non gestiamo “pacchetti” di voti. Non ci riconosciamo nel linguaggio e nelle proposte politiche dei due candidati. In questi 5 anni di amministrazione abbiamo fatto una grande rivoluzione: abbiamo cambiato le modalità della politica dentro Palazzo Zanca, passando “dal clientelismo al diritto”. Abbiamo lavorato nella libertà da ogni condizionamento di partito o di gruppi di interesse. Siamo su modelli alternativi rispetto alla storia e alla provenienza degli attuali candidati.
Ci inquieta il potenziale ritorno di vecchi modelli di gestione e di alleanze opache. Ci inquieta aver sentito parlare finora di manette, inquisiti, insulti, trovate scenografiche, minacce, botte e risposte. Ci inquieta l’affannosa ricerca di apparentamenti o il tentativo di sedurre i consiglieri esclusi con la speranza del “ripescaggio” per accaparrarsi il voto dei loro sostenitori. Ci inquieta tanto il vecchio che si maschera di nuovo quanto il paravento offerto a un sistema oscuro e rovinoso. Non è questo il nostro modo di intendere la politica e il dibattito politico.
Messina ha bisogno della forza della ragione, del buon senso e della capacità di amministrare contesti complessi per affrontare i temi fondamentali del suo futuro, che sono l’assetto del territorio, il dissesto idrogeologico, il riequilibrio finanziario, le politiche sociali, i servizi pubblici, la mobilità sostenibile, il disegno urbano e altro ancora. Passata la sbornia elettorale, è su questi temi concreti che dovrà crescere la qualità della vita per i messinesi. E su questo, il nulla. Nessuno ha ritenuto importante in questi giorni dire cosa intende fare e come intende finanziare dal bilancio comunale il suo programma.
Noi manteniamo fermo il progetto e il sogno di una città libera, che si misura sui problemi concreti, che costruisce positivamente il suo futuro con la partecipazione e il contributo di chiunque abbia a cuore il destino di Messina. Per questo continueremo a essere presenza politica che costruisce, propone e dialoga coi messinesi e con chiunque avrà il gravoso onere di rappresentarci, entro l’azione di monitoraggio che costituisce dovere di ogni cittadino.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione