Messina: Biancofiore (FI), intitolare a piccolo Francesco Filippo via nei capoluoghi

17 Giugno 2018 Cronaca di Messina

“Dire che la lettera scritta dal Presidente Berlusconi in ricordo del piccolo Francesco Filippo morto a Messina a 12 anni nel rogo della sua casa per salvare il fratellino, è commovente è dire poco, e persino banale. Personalmente mi ha fatto venire la pelle d’oca per quanto è toccante”. Lo dichiara Micaela Biancofiore di Fi. “Trovo incredibilmente bello che un grande imprenditore, un uomo che ha visto e vissuto di tutto nella vita, 4 volte Presidente del Consiglio, Presidente di tutto l’inimmaginabile per la maggior parte degli uomini, sia straziato dalla cronaca della vita quotidiana e trovi il tempo per ricordare un bambino straordinariamente coraggioso esempio per un Paese che sta dimenticando i valori imprenscindibili per l’essere umano. Un gesto quello del Presidente Berlusconi che rivela ancora una volta come nel terremoto de l’Aquila o in milioni di altri episodi rimasti riservati”. “Un grande cuore in campo, indispensabile a squarciare il cinismo della politica perlopiù concentrata su scandali e insulti reciproci, mentre il Paese reale fa i conti con le mille difficoltà e tragedie quotidiane, come quella del piccolo Francesco ma anche della campionessa di nuoto sincronizzato, Noemi Carrozza vittima delle strade distrutte di Roma, mentre si pensa allo Stadio. Sarebbe bello che in tutti i capoluoghi italiani, a partire dalla mia regione il Trentino Alto Adige, si intitolasse una strada alla memoria dell’eroismo del piccolo Francesco Filippo”, conclude.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione