Messina, detenuta tenta di impiccarsi: salvata in extremis

24 Giugno 2018 Cronaca di Messina

Una detenuta straniera che ha tentato di impiccarsi è stata salvata da due agenti della polizia penitenziaria. E’ accaduto nel reparto femminile della Casa Circondariale di Messina. A renderlo noto è Armando Algozzino, segretario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Penitenziari, che sottolinea "la professionalità del personale della Polizia Penitenziaria".

"Ancora una volta - commenta il segretario - il peggio è stato evitato grazie all’impegno e all’abnegazione dei poliziotti penitenziari, costretti a lavorare in condizioni di disagio a causa delle carenze di organico, così gravi da rendere necessaria la chiusura di tutti gli uffici per la copertura minima dei posti di servizio e la garanzia delle condizioni essenziali di sicurezza".

Da tempo il segretario Algozzino denuncia "i disagi che caratterizzano il lavoro dei poliziotti penitenziari nel territorio messinese: tra gli episodi più eclatanti, un tentativo di evasione dalla struttura circondariale da parte di due detenuti nel dicembre del 2016, bloccato con immediatezza da un agente e, nell’ottobre dello scorso anno, il ferimento di tre agenti in servizio presso il reparto detentivo dell’Azienda Ospedaliera Papardo durante una colluttazione con un detenuto", conclude.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione