11 ANNI E 10 MESI AL MESSINESE MASCARESE PER LA RAPINA AL CREDIT0 PELORITANO DI BARCELLONA

29 Giugno 2018 Inchieste/Giudiziaria

di Leonardo Orlando - Prima condanna ad 11 anni e 10 mesi di reclusione per una guardia giurata, il messinese Antonio Mascarese, 46 anni, che avrebbe avuto il ruolo di basista nell'assalto alla filiale del credito peloritano di Barcellona avvenuto il 28 marzo 2017 e concorso nella tentata rapina messa in atto in precedenza, il primo dicembre 2016, a Milazzo sulla cortina del porto-terminal degli aliscafi. A determinare la condanna, al termine del processo con il giudizio abbreviato, il presidente della sezione penale Antonino Orifici, su richiesta del pubblico ministero Sarah Caiazzo. L'uomo, un vigilante della società Sicurtrasport di Messina, che assieme ai colleghi scorta il trasporto di denaro agli istituti di credito, aveva scelto di essere processato con il giudizio abbreviato e la sua posizione stralciata dal resto degli imputati. Per la rapina in banca a Barcellona, Mascarese avrebbe partecipato fornendo agli autori informazioni riservate in merito ai servizi di sicurezza adottati durante la scorta al furgone portavalori: mentre nel violento tentativo di rapina commesso il precedente primo dicembre, intorno alle 6.30, alla biglietteria degli aliscafi di Milazzo, avrebbe concorso nel tentativo di rapinare i colleghi. Rassegnaweb da gazzetta del sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione