Genova, nella notte della tragedia Salvini festeggia coi leghisti di Messina. Orfini (Pd): “Schiaffo al dolore del nostro Paese”

16 agosto 2018 Senza categoria

Nella notte del dolore, quando a Genova si piangevano i morti e si scavava ancora tra le macerie, a Furci Siculo, in provincia di Messina, Matteo Salvini festeggiava. Era a una cena con 260 persone organizzata dall’èlite locale della Lega. Calici di vino, piatti a base di pesce, tante foto e selfie, come quello con Antonio Mazzeo che su Twitter ha esultato “Meraviglioso Ferragosto alternativo con il ministro”. E poi una torta gigante con scritto “La squadra vince”, il volto sorridente del leader del Carroccio. Le foto di quell’allegra serata sono state postate su Instagram da un esponente messinese della Lega, Oscar Aiello, portavoce della Lega al consiglio comunale di Caltanissetta. “Un Ferragosto particolare – commenta Aiello a quelle foto – a cena con il ministro leader della Lega in continua ed evidente crescita”. Una nota davvero stonata, tutti quei sorrisi e brindisi, che non è passata inosservata sui social. Un’onda di indignazione s’è sollevata e migliaia di utenti hanno stigmatizzato l’episodio. Gli scatti hanno iniziato a circolare sui Twitter e Facebook e hanno suscitato una violenta polemica. Si chiedono gli utenti: “Perché il Ministro non è andato a Genova? Perché non ha disdetto quella cena?”.

LE REAZIONI
Anche il mondo della politica s’indigna ora. Il presidente del Pd si appella alla Carta. “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche – twitta Matteo Orfini– hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, recita la Costituzione. Le immagini di Salvini che festeggia in ore drammatiche per Genova sono uno schiaffo al dolore del nostro Paese e la negazione di quel principio”. “Mentre l’Italia piange una tragedia spaventosa – commenta Emanuele Fiano – e discute sulle responsabilità, il ministro dell’Interno festeggia Ferragosto e le immagini della sua festosa cena fanno il giro dei social. Salvini dovrebbe chiedere scusa”.

“Le camicie bianche e candide e i vassoi colmi di pesce fanno impressione – attacca Michele Anzaldi – un ministro dell’Interno che nelle ore cruciali di Genova preferisce divertirsi con i suoi compagni di partito dovrebbe dimettersi”.

La prima politica a rilanciare sul proprio profilo Twitter le immagini è stata Anna Rita Leonardi, giovane dirigente del Partito democratico calabrese. Nel 2016 Leonardi è stata la candidata sindaca del Pd a Platì, il paese del reggino al tempo simbolo dello strapotere della ‘ndrangheta sul territorio, salvo poi doversi ritirareperché – dopo una riunione a Roma – “erano venute meno le condizioni“.

LA CENA 
“Era in Sicilia a banchettare”, ha scritto Leonardi nel tweet con cui ha postato una foto del ministro seduto a tavola con il volto di chi ha appena finito di gustare un buon pasto. Prima della cena contestata Salvini aveva visitato la Base navale di San Raineri. A Furci Siculo è arrivato verso le 19.45 e prima di andare al ristorante ha incontrato il sindaco leghista Matteo Francilia, responsabile provinciale degli enti locali della Lega. Il programma del Viminale prevedeva poi un giro a piedi sul lungomare del comune e infine la riunione politica al locale ‘Sapori di Mare’ con 260 persone.