IL MESSINESE INTRIERI: L’esperto di Alitalia di Toninelli pensa alle dimissioni

19 settembre 2018 Politica

Il consulente del ministro Toninelli, Gaetano Francesco Intrieri, potrebbe dimettersi. E’ lo stesso Intrieri, 53 anni, di Messina, a dirlo al Corriere della Sera: “Sto pensando di dimettermi, per tornare a essere una persona normale”. Da due mesi Intrieri collabora come esperto della Struttura di missione (50 mila euro lordi il suo compenso) con il ministro M5S.

“Ma io non sono un attivista del Movimento, sono solo un tecnico e sto lavorando per il Paese, al di là delle ideologie. Io sono il guru dell’aviazione (una cattedra all’università di Tor Vergata, un master alla Bocconi e degli studi al Massachusets Institute of Technology a Boston) e invece mi stanno trattando da delinquente”, dice ancora Intrieri, finito nel mirino dopo le rivelazioni apparse sulla Verità riguardo a una sua condanna definitiva nel 2017 per bancarotta fraudolenta, legata alle vicende della compagnia aerea Gandalf.  Secondo i giudici, avrebbe distratto dall’azienda 480mila euro per il pagamento di alcune spese personali. Una condanna da cui, però, Intrieri si difende, sostenendo – in un colloquio con il Corriere della Sera – di avere dei documenti che certificano il fatto di non aver utilizzato quei soldi.

“Mi trattano come un delinquente e io invece – afferma Intrieri – sono forse uno dei manager che lavora di più nel mondo dell’aviazione, ho lavorato per decine di compagnie, due anni fa scoprii che Alitalia era tecnicamente fallita e lo scrissi pubblicamente, poi dopo 6 mesi è fallita davvero. Per questo mi attaccano. I dipendenti Alitalia sui social sono tutti con me, migliaia di persone vorrebbero che io andassi a lavorare per l’azienda”.