I documenti inediti – Supermercati da Terzo livello. E l’Urbanistica è casa loro…

26 settembre 2018 Inchieste/Giudiziaria

Di Antonio Mazzeo e Enrico Di Giacomo – Sette iper e supermercati in centro città e provincia con insegna Despar, oltre 150 dipendenti e fatturati da capogiro. Uno dei maggiori business della distribuzione alimentare nel messinese, con a capo due grandi società, Fi.Di.Al. S.p.A. e Fiorino S.r.l., interamente controllate dalla storica famiglia dei Fiorino. Amministratore unico e titolare del capitale sociale congiuntamente a fratelli e sorelle, l’imprenditore Antonio “Tony” Fiorino, pure amministratore di una società di costruzioni, la Green Building Srl di Messina.

Antonio Fiorino è oggi uno dei personaggi eccellenti dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Messina sul cosiddetto Terzo livello che i primi di agosto ha condotto agli arresti domiciliari l’ex presidente del Consiglio comunale e candidata a sindaco alle ultime amministrative Emilia Barrile e alcuni dei suoi più stretti collaboratori e consiglieri. A causa di certi suoi discutibili (e consolidati) rapporti con l’esponente politica, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale peloritano ha applicato al noto operatore della distribuzione alimentare la misura cautelare del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali e di ricoprire uffici apicali in seno ad imprese e persone giuridiche. Le indagini sul Terzo livello, infatti, avrebbero evidenziato indebiti scambi di favori che Emilia Barrile, attraverso la sua ingerenza politica, avrebbe fatto a Fiorino nei vari uffici del Comune di Messina.

“In più occasioni – scrive il giudice nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari – Barrile, pubblico ufficiale, quale Presidente del Consiglio Comunale di Messina, sfruttando relazioni esistenti con altri pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio riceveva dall’imprenditore Tony Fiorino, per sé o per altri, utilità economiche o ne accettava la promessa, come prezzo della propria mediazione illecita, interferendo sull’operato degli uffici comunali, in ordine alle pratiche amministrative concernenti la realizzazione di un centro commerciale, in località Sperone, di interesse di Tony Fiorino, sollecitandone sistematicamente la trattazione, ed accompagnando personalmente l’imprenditore presso gli uffici interessati, dispiegando sui funzionari incaricati la sua influenza al fine di velocizzare le pratiche”.

L’esponente politica (eletta con il Pd e poi transitata in Forza Italia sulla scia degli onorevoli Francantonio Genovese e Franco Rinaldi), secondo gli inquirenti, sarebbe intervenuta “con pressioni, false allusioni relative a pubblici interessi (asseritamente ad ella rappresentati dai consiglieri di quartiere), dei quali ella faceva intendere, falsamente, di rendersi portavoce come vertice del civico consesso, ed ulteriori allusioni relative alla realizzazione di possibili abusi – sui responsabili degli uffici comunali competenti, perché le fornissero informazioni riservate sullo stato delle pratiche concernenti l’avvio di iniziative imprenditoriali da parte di terzi, in concorrenza con attività economiche del Fiorino, tentando di ostacolarne la nascita, ed interferendo, in tal modo, sulla imparziale formazione della volontà della pubblica amministrazione comunale”. L’esponente politica accedeva altresì “abusivamente al sistema informatico del Comune di Messina, relativo ai dati anagrafici, ottenendo informazioni riservate che forniva al Fiorino, per avvantaggiarne lo svolgimento dell’attività economica; sollecitava – minacciando o sollecitando ripercussioni sui dipendenti comunali, ove non accondiscendessero alla velocizzazione da ella richiesta – la pronta trattazione di una pratica relativa ad una richiesta di accesso agli atti, formulata dal Fiorino medesimo, e concernente parimenti i suoi interessi economici: ricevendo, in contropartita, dal Fiorino – oltre alla promessa di sostegno elettorale per le elezioni regionali – l’assunzione di plurimi soggetti da ella segnalati presso le imprese riconducibili al privato (o la promessa di sottoporli a colloqui per successive assunzioni), la promessa che, nei lavori di realizzazione del centro commerciale, sarebbe stata coinvolta un’impresa ad ella riferibile, in modo da ottenere utilità economica e sostegno elettorale, e la corresponsione di contributi economici in favore della squadra di pallamano ove militavano le di lei figlie”. Ancora Barrile e Tony Fiorino, la prima in qualità di pubblico ufficiale, il secondo quale privato istigatore, “tramite un dipendente comunale – indotto ad effettuare gli accertamenti su richiesta della Barrile, visto lo status di esponente di vertice nel Comune di Messina, si introducevano abusivamente il 5 luglio 2016 nel sistema informatico, protetto da misure di sicurezza, costituito dai registri anagrafici comunali, effettuando accertamenti di interesse di Fiorino, concernenti la situazione anagrafica e familiare di Tindara Aiello, i cui esiti venivano dalla Barrile riferiti al medesimo Fiorino”.

 

Quel supermercato in via Botta non s’ha da fare.

 

Stando alla ricostruzione della Sezione Operativa di Messina della Direzione Investigativa Antimafia, Tony Fiorino avrebbe richiesto la collaborazione di Emilia Barrile principalmente per ottenere lo sblocco dell’iter autorizzativo per la costruzione da parte della società Fi.Di.Al. SpA di un importante punto vendita nella zona nord del comune di Messina, lungo il torrente Papardo, in località Sperone. Successivamente, il noto imprenditore avrebbe chiesto una mano a Barrile per cercare di impedire l’apertura di un supermercato concorrente proprio di fronte ad uno dei suoi storici punti vendita nel centro città.

“Il 20 gennaio 2016 Barrile contatta l’ingegnere Francesco Clemente affinché anche egli contribuisca a verificare qual è il problema che blocca l’iter della pratica autorizzativa presso i competenti uffici tecnici del Comune”, annota la DIA. Lo stesso giorno Barrile chiama l’amico commercialista Marco Ardizzone. La donna inizialmente lo informa di avere appena incontrato Tony. Poi Barrile ricostruisce la vicenda di questo supermercato, il cui iter realizzativo è stato avviato da oltre un decennio senza che Fiorino ne sia ancora venuto a capo. “Ti devo dire una cosa…”, esordisce Barrile. “In pratica, la persona che mi sono vista deve cominciare ora, aspetta la concessione edilizia lì, a Sperone che stanno facendo un grosso supermercato. E ora deve capire pure a chi darlo in gestione la costruzione alla società… Qualcosa gliela sta seguendo Scoglio che è un ex avvocato, perché ora deve fare la convenzione con il Comune. Gli stanno facendo fare la muffa… Dice: è dal 2006 che cerco questa autorizzazione… Nel 2011 abbiamo fatto la delibera noi, ora vuole una copia autentica per presentarla al notaio per fare questa convenzione e poi chiedere la concessione edilizia per iniziare a costruire…”.

“Barrile – scrivono gli inquirenti nell’Informativa riepilogativa delle indagini datata 6 ottobre 2017 – sempre in maniera estremamente farraginosa e continuando a raccontare il dialogo che ha avuto con Fiorino, riferisce che questi – per effettuare i paventati lavori di costruzione del supermercato – le ha fatto il nome di una persona amica del suo onorevole (riferimento all’on. Francantonio Genovese N.d.R.) e molto amica anche di Clemente, mentre lei gli ha fatto presente che preferirebbe che la scelta ricada su una persona che lei già conosce, così un domani quando dovrà essere aiutata in alcune cose (elettoralmente ndr), lei può agire direttamente ed in autonomia (…) Sempre nel contesto della stessa telefonata, Barrile afferma di aver detto all’onorevole Genovese che Tony Fiorino è contento che lei sia transitata in Forza Italia, precisando che l’imprenditore le ha assicurato il suo appoggio affinché la stessa venga eletta alle elezioni regionali: Io gli ho detto all’onorevole, l’unico contento di questa cosa è Tony, perché lui è di destra come imprenditore… Poi me l’ha detto chiaro: comunque su di te dobbiamo lavorare perché tu devi uscire bene alle regionali …”.

Il 29 gennaio 2016 Emilia Barrile contatta Fiorino e questi le propone un incontro per il giorno successivo con la partecipazione anche dell’ingegnere Clemente. “Per la copia conforme della delibera, non so se ci sono problemi ancora all’urbanistica”, spiega l’imprenditore. “La donna conferma l’appuntamento e lo informa che la copia conforme della delibera – di cui avevano parlato nel precedente incontro – …l’ha fatto il dirigente…, e nello stesso tempo gli assicura che ora lei verificherà se la dovranno ritirare loro o se verrà trasmessa direttamente d’ufficio”, riporta la DIA. Nella stessa conversazione Barrile spiega al suo interlocutore di non sapere quale sia il passaggio che bisogna fare per il notaio, ma Fiorino la rassicura dicendo che ora lui farà seguire la pratica al suo avvocato, Gianfranco Scoglio.

“Il ruolo che Clemente dovrà assumere viene in parte chiarito da alcuni dialoghi intercettati a bordo della sua auto ed intercorsi tra lui e il costruttore milazzese Vincenzo Pergolizzi”, si legge nell’Informativa. “Già lo stesso pomeriggio dell’incontro, Clemente racconta a Pergolizzi che quella cosa di Fiorino riguarda le opere di urbanizzazione, poiché comprende la realizzazione di una strada e di una rotonda sul torrente Papardo e per i cui lavori servono circa 240 mila euro di computo metrico. Spiega, tra l’altro, che Fiorino, per la predetta opera, vuole che il calcestruzzo sia preso dallo stabilimento di Saro Arcovito, titolare della Bentocal Srl con sede a Pace del Mela. Clemente aggiunge che Fiorino ha dato a lui l’incarico di visionare tutte le carte relative alla progettazione del predetto lavoro”.

Il giorno 30 gennaio, come da accordi telefonici, Barrile e Fiorino si incontrano a Messina in un bar del centro. “Le conversazioni captate già durante quest’incontro chiariscono che i due si sono incontrati per discutere di problematica diversa dalla costruzione del nuovo supermercato che, in quei giorni, attanagliava Fiorino, ovvero quella dell’imminente apertura di un supermercato da parte di operatori della concorrenza nei locali ove, in passato, vi era il negozio Euronics a pochi metri di distanza dal supermercato Despar di via Carlo Botta”, spiega la DIA. “Barrile, mentre è ancora in compagnia di Fiorino, chiama Salvatore (successivamente identificato in Salvatore Mastroianni, funzionario dell’ufficio Annona del Comune di Messina), per chiedergli conto della vicenda. Pretestuosa, e meritevole di attenzione, appare la falsa motivazione che Barrile fornisce a Mastroianni per giustificare i motivi della sua richiesta. Barrile, infatti, facendo leva sulla sua carica di Presidente del Consiglio Comunale e per fare pressioni sull’interlocutore, lascia intendere che la costruzione di questo nuovo supermercato aggraverebbe la già precaria situazione viaria della zona – carenza parcheggi ed elevato traffico – e manderebbe in sofferenza i supermercati già esistenti. Analoghe considerazioni Barrile le esprimerà alcuni giorni dopo, parlando con un funzionario dell’urbanistica, l’ing. Salvatore Parlato, al quale, addirittura, lascia trapelare che dette sollecitazioni le sarebbero pervenute direttamente dai consiglieri di quartiere…”.

L’impegno a tutto campo di Emilia Barrile per favorire Tony Fiorino trova conferma nella sua conversazione del 23 febbraio 2016 con il commercialista Marco Ardizzone. “Niente, ora vado al Comune, e mi faccio…, e mi prendo… Vado con Cardile. Devo andare un attimo all’ufficio Annona… e una cosa per Tony devo vedere”, spiega Barrile. Arrivata presso gli uffici, la donna  annuncia la sua presenza al funzionario Mastroianni. “Mentre è lì – annota la DIA – Barrile chiama Fiorino per farsi dare il nome della ditta concorrente e questi le risponde: E io non lo so, perché non so con quale società stanno lavorando…; poi Barrile gli da il numero dell’ufficio di Carmelo Polito, responsabile della Direzione Servizio gestione PEC – Medie strutture del Comune di Messina e Fiorino la chiama al fisso. Subito dopo aver parlato con Tony – ed avere appreso da questi il possibile nome della società che doveva aprire il nuovo supermercato – Barrile chiama Salvatore (Parlato ndr) per chiedere se nei locali dell’ex negozio La Via Lattea in via Carlo Botta, stanno aprendo un supermercato di generi alimentari con la denominazione Gicap o Capone, e questi risponde che le farà sapere. Mentre la conversazione sta per essere chiusa, Barrile afferma, come già anticipato, che glielo chiedevano alcuni consiglieri di quartiere se era vero…”. “Io ho parlato… cioè l’urbanistica, dovrebbe essere Parlato, ma dice che lui non si ricorda, ora guardava…”, spiega subito a Fiorino. Quest’ultimo le domanda allora “se ha chiesto all’arch. Cutroneo, dirigente del Dipartimento di Edilizia Privata, e Barrile risponde di No e che innanzitutto: eh, là… là, la Cutroneo, però bisogna vedere se loro hanno fatto l’autorizzazione per la concessione edilizia, per la sanatoria, bisogna vedere che tipo di fascicolo hanno presentato”.

Emilia Barrile continua a prodigarsi incessantemente per risolvere il problema di Tony Fiorino ed il giorno dopo lo chiama per comunicargli che l’indomani si sarebbe recata presso gli uffici del Dipartimento di Urbanistica. “Perché sicuramente è tutto all’urbanistica, quella situazione ancora…”, spiega Barrile rassicurandolo che parlerà della questione anche con Eleonora Giovinazzo, funzionaria dell’Area Coordinamento del Dipartimento Politica del Territorio e responsabile della pratica relativa alla costruzione del supermercato a Sperone. “Il 26 febbraio Barrile informa Ardizzone che in mattinata si sarebbe recata all’urbanistica per verificare lo stato di alcune pratiche raccomandatele da più persone, perché c’è da guardare come sono messe… da tanto che devo farla, sopratutto quella di Tony, che gliel’hanno ribloccata… Lui merita va!!!.”, riporta l’Informativa. “Tre giorni dopo l’ing. Salvatore Parlato riferisce a Barrile che – con riferimento alla richiesta che aveva caratterizzato i loro precedenti colloqui – in quegli uffici non c’è nessuna di cambio d’uso dei locali dell’ex negozio La Via Lattea e che come Gicap risultano due pratiche: una che riguarda un punto vendita del viale Giostra, e l’altra riguardante un punto vendita di Tremonti. Barrile ribadisce che a lei interessa sapere solo se esiste qualche concessione che autorizza l’apertura di un supermercato in via Carlo Botta e Parlato risponde che dalla ricerca che sta effettuando in quel frangente, non risulta nulla neanche come Capone. Il precitato continua dicendo che risulta, invece, una richiesta formulata nell’anno 2012 da Franchina (oggi ed all’epoca dei fatti titolare del negozio ad insegna Euronics – La Via Lattea) per il cambio d’uso dei predetti locali e – alla donna che afferma che potrebbe essere quella che interessa loro – spiega che la richiesta l’ha formalizzata l’ing. Colonna per conto di Franchina, assicurandole che comunque continuerà la ricerca. Effettivamente, dopo meno di 10 minuti, Parlato ricontatta Barrile e le conferma il cambio d’uso degli ex locali del negozio di via Carlo Botta precisando che, in data 6 marzo 2016, è stata rilasciata una concessione per l’utilizzo per uso parcheggio dell’area di un fabbricato sito in via Del Bufalo, a circa 300 metri di distanza dalla ex Via Lattea. Barrile commenta negativamente questa circostanza ed addirittura si informa per sapere se era stata rilasciata anche l’agibilità dei locali”.

Nella stessa mattinata del 26 febbraio, Emilia Barrile informa Fiorino su quanto appreso dal funzionario comunale. Nella stessa conversazione l’imprenditore le chiede se lei è riuscita a parlare con la Giovinazzo, ma Barrile risponde di No ma che l’avrebbe chiamata al più presto. “Nonostante le indagini di Barrile ed i suoi tentativi di impedire l’apertura del supermercato in concorrenza con Fiorino, alla data odierna è stato aperto in via Carlo Botta il supermercato ad insegna Maxi Sidis, con parcheggio in via Felice Bisazza, a poche decine di metri dal Despar”, scrivono gli inquirenti.

 

Il miracolo di santa Emilia a Sperone.

 

Esaurito lo sforzo (inutile) di ostacolare i diretti concorrenti in centro città, Tony Fiorino & C. si concentrano sul procedimento amministrativo volto alla realizzazione del supermercato in località Sperone (foto di copertina). “In quegli stessi giorni Francesco Clemente ha terminato l’esame della documentazione fornitagli da Fiorino ed ha preparato il preventivo da sottoporgli, come si apprende da due dialoghi tra questi e la collaboratrice Domenica Milioti in cui la donna vorrebbe accompagnarlo a presentare l’offerta a Fiorino ma Clemente chiarisce che la farà pervenire tramite Barrile e per questo Milioti lo rimprovera”, riporta la DIA. “Il 3 marzo 2016 si registra una conversazione in cui Clemente informa Fiorino di aver completato quello studio lì e gli chiede di vedersi il giorno seguente presso la sede dell’imprenditore a Giammoro. Il giorno dopo questo incontro, Clemente, a bordo della sua autovettura, ne racconta al costruttore Pergolizzi i passi salienti. Di fatto Clemente riferisce che Fiorino, dal mese di aprile 2006, attende di avere l’autorizzazione per l’inizio lavori per la costruzione dell’ipermercato e che, sebbene abbia già speso 4 milioni di euro, ancora non ha visto nulla. Fiorino gli ha fatto inoltre capire che affiderà a lui la progettazione di quell’intervento inerente il preventivo di 370 mila euro”.

Altri importanti spunti per comprendere l’evoluzione della vicenda giungono da una conversazione captata tra i collaboratori di Clemente, Domenica Milioti e Giuseppe Ruggeri. “Dobbiamo vedere se si riesce a sbloccare la situazione, così ci possiamo sedere per organizzare i lavori”, spiega Milioti. “Tutto è bloccato da circa 10 anni, perché dove si deve costruire è un posto dove transitano gli uccelli migratori, vivono le lucertole e le formiche… Per questo non gli hanno concesso le autorizzazioni per la costruzione, perché non possono modificare lo stato dei luoghi”.

Parallelamente agli aspetti progettuali portati avanti dall’ingegnere Clemente, prosegue l’impegno di Emilia Barrile affinché Fiorino ottenga tutte le autorizzazioni. “Invero, l’8 marzo 2016, questi la stimola inviandole un sms con il seguente testo: x la convenzione tempi esasperanti!, e lei, poco dopo, per dargli piena soddisfazione e fargli percepire il suo concreto appoggio, lo chiama e gli fa ascoltare parte della conversazione che, su un’altra linea, sta conducendo con la dott.ssa Giovinazzo, funzionaria che tratta la pratica di Fiorino e che, quest’ultimo le aveva chiesto di contattare”, riportano gli inquirenti. “Barrile proferisce la seguente frase: speriamo in settimana di riuscirci, grazie dottoressa Giovinazzo, buon giorno…. La donna, dopo aver concluso la telefonata, chiede a Fiorino se ha sentito il predetto colloquio e lui, soddisfatto, conferma di aver sentito tutto; lo informa, altresì, che lei la settimana precedente ha parlato di lui anche con l’arch. Schiera, dirigente preposto al settore”. Il giorno dopo, Clemente chiama Barrile e la informa di essersi incontrato con Tony, aggiungendo di avere riscontrato, nei documenti, che la causa di tutto l’impasse burocratico deriva dall’arch. Anna Maria Cacopardo, funzionario direttivo tecnico del Servizio Edilizia del Comune. “Già gli ho telefonato ieri e in settimana gliela da”, risponde Barrile. “Il ritardo si è verificato perché dice che con il suo avvocato, hanno fatto tre modifiche alla convenzione e quindi l’hanno dovuto rifare…. Stando agli inquirenti, il riferimento alla funzionaria Cacopardo fatto da Clemente, sarebbe però un errore: “tutto il contenuto del dialogo si attaglia infatti alla figura della dottoressa Giovinazzo mentre l’architetto Cacopardo non pare, dall’esame degli atti acquisiti, avere avuto alcun ruolo nell’iter procedurale di questa autorizzazione”.

Sempre nel contesto del reciproco scambio di favori ed interessi tra Barrile e Fiorino, il 14 marzo 2016 la donna chiama l’imprenditore e, con la scusa di sapere se abbia novità, gli chiede quando possa mandare un ragazza per un colloquio; Barrile sollecita via sms questo colloquio anche nei giorni seguenti e giorno 17 Fiorino le risponde con il seguente sms: Sì verso le 14.30 p.s. Se puoi sollecitare la Giovinazzo. “Una cosa ti volevo chiedere, è da tanti giorni veramente che ci penso, ma quella cosa di Fiorino là con la Cacopardo com’è finita?”, domanda Clemente a Barrile nella telefonata intercettata il 14 aprile 2016. “La donna gli dice che ha saputo che la convenzione è stata firmata e che lei lo ha saputo da Scoglio (avvocato di Fiorino ndr)”, riporta la DIA. “I due poi discutono dell’iter da seguire affermando che adesso, che c’è la convenzione, bisogna procedere con la fase progettuale e discutono anche dei pareri che mancano e che, secondo Clemente, sono marginali tranne solo quello della Viabilità. In effetti, a riscontro di quanto sopra detto, in data 7 aprile 2016 è stata firmata la convenzione relativa al piano di lottizzazione per la realizzazione di un centro commerciale in Messina località Papardo – villaggio Sant’Agata tra la ditta Fi.Di.Al. S.p.A. ed il Comune di Messina”.

Nonostante la firma della convenzione, i problemi burocratici di Fiorino non vengono del tutto superati, in quanto alla sottoscrizione della convenzione deve seguire l’approvazione del piano di lottizzazione ed il rilascio del permesso di costruire. “Effettivamente, Barrile e Fiorino concordano un incontro la mattina del 18 aprile nel corso del quale l’imprenditore ha, evidentemente, rappresentato degli ulteriori problemi a Barrile; quest’ultima, però, alcuni giorni dopo gli invia un sms tranquillizzandolo: Mi dicono tutto ok. Martedì torno. Come promesso, il martedì seguente, giorno 26 aprile, Barrile telefona a Fiorino per avere conferma che fosse tutto a posto e questi, però, le dice che è ancora in attesa della concessione edilizia; la donna lo rassicura: uhm, vabbè io domani mattina sono lì alle nove…. L’indomani Barrile si è recata all’urbanistica, come risulta dalla conversazione con Marco Ardizzone. La donna racconta al suo interlocutore di essersi recata presso l’ufficio Urbanistica con Ciccolo per cercare degli atti che non ha trovato (si tratta dei documenti di conformità dell’abitazione di proprietà di Ciccolo che Barrile sta acquistando per la figlia Rosaria Ndr), e mi sono fatte quelle cose di Sergio, quella là di Tony e me ne sono andata e lui è rimasto là…. Lo stesso giorno Barrile chiama Fiorino e fa presente che il problema potrebbe essere legato ad un pagamento mancante e che potranno andare a parlare con la Giovinazzo il lunedì successivo, così il martedì gli consegneranno l’autorizzazione-concessione. Così, il lunedì 2 maggio, Fiorino contatta Barrile per andare presso gli uffici comunali; nell’occasione Barrile si vanta del fatto che la pratica aveva subito un forte rallentamento e che lei, grazie al suo interessamento ed alle lusinghe fatte proprio alla signora Giovinazzo, era riuscita a sbloccarla, lasciando sottintendere che, in precedenza, vi erano stati dei problemi tra Scoglio – l’avvocato che stava seguendo la pratica per conto di Fiorino – e quest’ultima; in conclusione dice che se ne occuperà lei e gli farà sapere”. Come d’accordo, Emilia Barrile più tardi ragguaglia l’imprenditore Fiorino sulla necessità di effettuare i versamenti dovuti, perché la cosa è pronta…”.

La mattina seguente la donna ricontatta Fiorino per concordare un appuntamento presso il Dipartimento Urbanistica per ritirare la concessione edilizia. “Quando Fiorino spiega che, per non disturbarla, potrebbe andarci da solo, Barrile ribatte dicendo: No, no, io devo venire perché sono andata all’Inps, quindi ora sto venendo là all’Urbanistica”, annotano gli inquirenti. “Qualche ora dopo Barrile telefona ad Ardizzone e lo informa che ho risolto quella cosa di Tony. Era contento…, anche se c’è un’altra procedura e pertanto si devono vedere, con gli impiegati dell’ufficio urbanistica, martedì prossimo. Però, già il giorno seguente Fiorino chiama Barrile per chiederle se lo può accompagnare dall’ing. Nunzio Santoro, coordinatore del settore Dipartimento Attività Edilizia del Comune, perché ha necessità di chiarire alcuni aspetti della Dichiarazione Inizio Attività (DIA). La donna, che però si trova a Roma, manifesta subito la sua disponibilità ed addirittura lo esorta ad andarci anche da solo perché lui non ti crea problemi, ci possiamo sentire alle otto, otto e mezza, io gli faccio uno squillo...”.

Barrile non si disinteressa tuttavia dell’esito della vicenda e alcuni giorni dopo telefona a Fiorino per ricordargli di recarsi a ritirare la concessione edilizia. “Va bene domani pomeriggio, fammi sapere se vuoi che venga anch’io”, chiede la donna. “Sì, mi serviva poi fare una chiacchierata con… come si chiama… per vedere che documentazione…”, risponde l’imprenditore. Barrile fissa l’appuntamento per le nove dell’indomani mattina e poi andare insieme a parlare nel preposto Ufficio del Dipartimento Urbanistica. “Il motivo della visita all’urbanistica si esplicita in una conversazione di Barrile con Ardizzone, il 10 maggio 2016, nel corso della quale quest’ultimo chiede quale sia la necessità di accompagnare Fiorino e la donna precisa che non si deve solo ritirare la concessione, ma poi deve parlare sotto pei i piani di lottizzazione là, deve fare un’altra domanda, lui ha avuto la concessione edilizia, ora deve presentare il piano di urbanizzazione, perché lui deve fare dei lavori di compensazione…”, spiega la DIA. “In pratica, bisogna avviare l’iter per le opere di compensazione urbanistica e queste pratiche vengono trattate dall’altro dipartimento ubicato sempre nello stesso palazzo; Barrile afferma che necessitano degli approfondimenti tecnici, devono dare la risposta altrimenti se non rispondono entro settantacinque giorni c’è il silenzio assenso quindi… vediamo come conviene meglio, per cui Fiorino verrà accompagnato dal suo tecnico che ha bisogno di sapere alcune cose; chiude l’argomento affermando: intanto gli ho fatto il miracolo”.

 

E la Presidente diede la scossa agli impiegati comunali.

 

Barrile e Fiorino non si sentono per buona parte dell’estate, ma dalla fine del mese di agosto 2016, i contatti tra i due diventano costanti, soprattutto perché l’imprenditore ha bisogno dell’esponente politica per sbloccare le autorizzazioni definitive per i lavori di urbanizzazione presso il torrente Papardo e per altri piccoli favori in Comune. “Ancora una volta Fiorino chiede alla Barrile un intervento per velocizzare l’iter burocratico”, riporta la DIA. “Al fine di riscontrare il contenuto dei dialoghi si è acquisita, in data 26 settembre 2016, presso gli uffici del Dipartimento Politiche del Territorio del Comune di Messina, la documentazione riconducibile alle richieste effettuate da Tony Fiorino. Tra queste, vi era quella relativa al piano di lottizzazione presentato dalla ditta Fi.Di.Al. SpA nell’anno 2006. L’analisi del relativo incartamento non ha evidenziato i motivi per i quali, nell’arco di un decennio, non erano state rilasciate le autorizzazioni richieste. Parte dei pareri erano stati raccolti negli anni fino al 2009 e poi, in data 20 aprile 2011 e il Consiglio Comunale dell’epoca aveva emesso una deliberazione, divenuta esecutiva il 10 maggio 2011, con cui approvava il piano di lottizzazione. Dopo questo atto, però, la pratica ha rallentato in maniera evidente e fino al termine del 2015 – quando la Fi.Di.Al. SpA, rappresentata dall’avv. Gianfranco Scoglio, ritrasmetteva parte della documentazione, già trasmessa negli anni precedenti, con lettera del 2 dicembre 2015, nulla di nuovo era avvenuto”.

“Alcune settimane dopo questa lettera, Fiorino coinvolge attivamente Barrile, e questa a sua volta Clemente, e la pratica accelera in maniera significativa; gli atti amministrativi, che hanno atteso anni, vengono cadenzati quasi mensilmente e sembra proprio il miracolo di cui si vanta Barrile nella conversazione con Ardizzone”, proseguono gli inquirenti. “Nello specifico in data 8 febbraio 2016 viene rilasciata l’Attestazione di destinazione urbanistica con annessa attestazione di linea di demarcazione; in data 7aprile 2016, presso gli uffici del Dipartimento Politiche del Territorio, viene firmata la convenzione tra la ditta Fi.Di.Al. rappresentata da Antonino Fiorino, ed il Comune di Messina, rappresentato dall’arch. Vincenzo Schiera (l’atto è redatto dal notaio Alessia Marsiglio); in data 4 maggio 2016, il Dipartimento Politiche del Territorio di Messina ha rilasciato l’autorizzazione per la lottizzazione dei terreni n. 56”.

L’emissione dell’autorizzazione non ha però posto fine alle richieste di Fiorino e la Barrile “per i motivi/interessi alla base della sua disponibilità, a sua volta continua sempre ad assecondarlo ed a favorirlo”. I due si sentono e pianificano incontri anche nei mesi di settembre ed ottobre 2016. Alla fine di novembre, Barrile chiama Fiorino e questi le dice che in un modo o l’altro devo avvicinare, perché bisogna capire là all’urbanistica come si sta muovendo per una pratica…. La donna però gli fa presente che vi è una novità, cioè che gli uffici hanno predisposto la delibera da presentare in Consiglio Comunale. Il pomeriggio dell’1 dicembre 2016 l’uomo ritelefona a Barrile per chiederle informazioni su una delibera sui parcheggi e questa risponde che potrà trovarle sul sito del Comune perché l’ha approvata la Giunta! Una a giugno e una ad agosto mi pare… Sì, perché loro già l’hanno votata! Il consiglio ancora no!

“Le attività tecniche concluse alla fine dell’anno 2016 non hanno fornito ulteriori significativi spunti sulla costruzione del centro commerciale”, annota la DIA. “A riscontro, si segnala che in data 9 agosto 2017 personale dipendente si è recato in località Sperone, lungo il torrente Papardo, constatando che erano in corso i lavori di realizzazione di una rotatoria, con bitumazione e creazione della viabilità di accesso ai terreni nei quali dovrà sorgere il centro commerciale. Sul posto non erano presenti cartelli identificativi del tipo di lavori e delle relativa autorizzazioni. Gli accertamenti sugli autoveicoli e sui mezzi d’opera presenti nell’area di cantiere hanno consentito di individuare e di ricondurre gli stessi alle ditte Venumer (amministratore unico Stefano Venuto) e Bitumer (amministratore unico Giuseppe Venuto)”.

Nel mese di dicembre 2016 Fiorino richiede l’intervento di Barrile per ottenere della documentazione dagli uffici del Dipartimento Edilizia Privata del Comune di Messina. “Tale richiesta nasce dall’intenzione di Fiorino di proporre un ricorso al TAR contro un qualche provvedimento amministrativo, emesso verosimilmente da tale ufficio, in favore di un terzo che non viene esplicitato nei dialoghi”, spiegano gli inquirenti. “Dal contenuto complessivo delle intercettazioni, l’intenzione di ricorrere potrebbe però essere legata al provvedimento che ha consentito l’apertura del supermercato ad insegna Maxi Sidis, in concorrenza con il punto vendita di proprietà di Fiorino in via Carlo Botta, per il quale aveva già interessato Barrile alcuni mesi prima (…)  Il 13 dicembre 2016 Fiorino chiama Barrile per informarla che l’impiegata Maria Luisa Martino (Direttore di Sezione amministrativa del Dipartimento Edilizia Privata del Comune di Messina) ha detto, alla persona da lui incaricata del ritiro dell’accesso agli atti, tale Teresa Passaro, che lei non era al corrente di alcuna documentazione da consegnare. Ovviamente Barrile rimane sorpresa ed infastidita, ed assicura che la farà richiamare. Immediatamente la donna telefona ad Antonella, identificata in Antonina Cannavò, e le chiede di chiamare dove hai telefonato ieri che devono consegnare quei documenti, dice che non sanno nulla e quello è là che aspetta, quella di Fiorino, della Despar. Continua dicendole di controllare perché la dottoressa Martino ha detto, alla persona inviata da Fiorino, che lei non sa nulla delle carte che dovevano essere consegnate. Cannavò, sorpresa, risponde che sono state loro (le persone dell’ufficio cui fa capo Martino, ndr) che le hanno detto che gli avevano mandato pure la comunicazione”. Dopo sette minuti circa Teresa Passaro chiama Barrile; quest’ultima invita l’interlocutrice a recarsi dalla dottoressa Martino per il ritiro della documentazione. “Ci sono andata ma mi ha detto che non è stata ancora protocollata…”, risponde la collaboratrice di Fiorino.Ma se ieri mi ha detto che possiamo andare… Va bene, in caso mi fai sapere e avvicino io, perché non è che si può strafare così, replica Barrile.

“Il tam tam di telefonate si sussegue, ma Teresa Passaro non riesce a ritirare il documento sebbene Barrile si sia spesa con numerosi dipendenti comunali, funzionari e dirigenti”, riporta l’Informativa. “In particolare il 13 dicembre 2016 la donna telefona all’architetto Antonella Cutroneo (Dirigente del Dipartimento dell’Edilizia Privata del Comune) e le spiega che sta andando da lei una signora che aveva fatto una richiesta di accesso agli atti. Barrile le chiede di firmargliela subito perché la richiedente entro domani ha bisogno di queste carte. Cutroneo l’assicura che lei sta per arrivare in ufficio. A distanza di otto giorni Fiorino telefona a Barrile lamentando che: io ho problemi sempre con l’ufficio per ottenere quegli atti che ho fatto richiesta ufficiale… Mi dispiace disturbarti ma non so che fare…. Sono sempre le stesse carte, quelle di allora non me le hanno date, perché dice che dovevano passare i termini per fare la comunicazione alla controparte e va bene quello ci sta, ora invece ieri siamo andati di nuovo e manca la dirigente per firmare. Fiorino continua spiegando a Barrile che le carte gli servono per presentare il ricorso al TAR. La donna assicura che all’indomani se ne sarebbe occupata lei chiamando il dirigente preposto”.

Il 22 dicembre Teresa Passaro informa Barrile che quella mattina aveva telefonato alla dottoressa Martino e questa le aveva detto: che la comunicazione dell’accesso agli atti è stata firmata, eh la devono solamente protocollare! Quindi ora ho chiamato quella che fa il protocollo, la segretaria della dirigente! Mi ha detto: ah guardi, non lo so qual è, mi richiami… Barrile ribatte affermando che avrebbe chiamato lei la dirigente; infine convengono che Passaro avrebbe fatto sapere la risposta ricevuta dagli impiegati del predetto ufficio tecnico. Successivamente Barrile parla con l’arch. Cutroneo. “Senti, sta venendo questa persona che deve ritirare degli atti, quelli che ti ho detto l’altra volta”, spiega Barrile. “Non mi ricordo la società, comunque erano Fiorino, che dovevano fare un ricorso al TAR ed avevano chiesto dei documenti. Non vorrei alle tre questa viene e non glieli danno, perché non si fa così… Martedì li deve dare all’avvocato…”. “Eh, io gli avevo parlato, ora però devo vedere…”, risponde la dirigente. “Non so se si doveva fare la comunicazione all’altra parte, che è per legge… Ora vediamo. Chiamo alla Martino glielo chiedo e ti richiamo, va bene?”. Prima di concludere la telefonata, Emilia Barrile, con tono di autorevolezza, replica: “Ogni tanto a questi impiegati una scossa bisogna darla, mi sa che si cullano troppo”. In serata Barrile telefona a Teresa Passaro: “Poi tutto apposto al Comune vero?”. “Sì, c’è stato qualche altro intoppo ma comunque è superato!”, risponde grata, l’impiegata di Fiorino…