La Polizia arresta un catanese che rubava nelle boutique di corso Umberto a Taormina

29 ottobre 2018 Cronaca di Messina

La Polizia di Stato esegue misura cautelare a carico di un catanese. Rubava nottetempo nelle boutique di corso Umberto a Taormina

Eseguita a carico di Mocci Riccardo, catanese di 36 anni, la misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Messina, dott.ssa Tiziana Leanza, su richiesta del P.M., dott.ssa Rosanna Casabona.
La complessa attività di indagine, svolta dagli investigatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Taormina e coordinata dall’Autorità Giudiziaria, ha permesso di ricostruire i furti messi a segno dal trentaseienne nell’estate del 2016 su corso Umberto, ai danni di attività commerciali di vario tipo, all’interno delle quali si introduceva nottetempo, reiterando, ad ogni colpo, lo stesso modus agendi.
L’uomo, con la complicità di due soggetti identificati e denunciati per i medesimi reati, forzava la porta di ingresso dell’esercizio preso di mira e, razziato denaro ed oggetti di valore, si dileguava velocemente.
A tradire il ladro, le immagini dei sistemi di video sorveglianza presenti nell’area interessata che lo hanno più volte immortalato. I poliziotti hanno quindi incrociato i dati estrapolati dai tabulati del traffico telefonico, relativo alle celle di aggancio sulla stessa zona, con gli spostamenti dell’uomo lungo il corso e nei pressi dei negozi. Le foto del trentaseienne reperite sul web hanno, infine, fornito il riscontro definitivo.