MALAGIUSTIZIA – Messina, l’ing. Saija (80enne) reintegrato oggi al lavoro dopo 25 anni: fu sospeso per un processo

Alle 8,30 del mattino ha varcato la soglia del suo ufficio e si è seduto alla sua scrivania alla Motorizzazione civile di Messina dove è dirigente. Il lavoro della sua vita, ma che non ha potuto fare negli ultimi 25 anni. Eduardo Saija, oggi 80enne, nel 1993 era stato accusato di abuso d’ufficio e, a causa del processo in corso, sospeso dal servizio. Lo scorso aprile l’uomo è stato assolto dalla Corte d’Appello di Messina e oggi finalmente può tornare al lavoro. “Dopo 25 anni giustizia è fatta. Purtroppo in ritardo, a 80 anni”, ha detto Eduardo al suo primo giorno di lavoro dopo un quarto di secolo di assenza forzata. Nel 1993 era stato accusato di abuso d’ufficio, da lì è iniziato un incubo giudiziario durato più di due decenni fino all’assoluzione da parte della Corte d’Appello perché “il fatto non sussiste”. Ora può tornare al suo lavoro che svolgerà per un certo periodo di tempo: fino al riallaccio della pensione. La sua storia ha attirato l’attenzione dei media nazionali e tra gli altri oggi la racconta Tgcom24 che gli dedica il servizio che potete vedere qui sotto.

VEDI SERVIZIO SU: https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/messina-80enne-reintegrato-a-lavoro-dopo-25-anni-fu-sospeso-per-un-processo_3173156-201802a.shtml

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione