‘SISTEMA MONTANTE’, CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER MAURIZIO BERNAVA

8 Novembre 2018 Inchieste/Giudiziaria

La Procura di Caltanissetta ha chiesto il rinvio a giudizio per dodici imputati coinvolti nell’ambito del cosiddetto sistema Montante e che hanno scelto di essere processati con il rito ordinario. I pm Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, hanno chiesto al Gup di Caltanissetta, Graziella Luparello, il processo per il sindacalista della Cisl, il messinese Maurizio Bernava; Andrea e Salvatore Calì, titolari di un’azienda che avrebbe effettuato bonifiche negli uffici di Montante; Rosetta Cangialosi e Carmela Giardina, collaboratrici di Montante; il colonnello dei carabinieri Giuseppe D’Agata; Salvatore Graceffa, sovrintendente a Palermo; Carlo La Rotonda, direttore di Reti d’Imprese di Confindustria; l’ufficiale della Guardia di Finanza, Ettore Orfanello; Vincenzo Mistretta, indicata come persona vicina a Montante che avrebbe cercato di contattare persone che dovevano essere ascoltate dalla Procura; l’allora comandante del reparto operativo dei carabinieri di Caltanissetta, Letterio Romeo e Mario Sanfilippo appartenente al nucleo di polizia tributaria di Caltanissetta.

Anche le parti civili si sono associate alla richiesta dei pm nisseni. Gli imputati sono accusati di aver fatto parte di un sistema, con a capo l’ex leader di Confindustria Antonello Montante, finalizzato a spiare le indagini della procura di Caltanissetta.

Si torna in aula domani mattina mentre la decisione del Gup è attesa per sabato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione