GENOVESE: Inammissibile ricorso della procura di Messina. La Cassazione conferma il dissequestro dei beni

16 Novembre 2018 Inchieste/Giudiziaria

La Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione, alla udienza camerale del 14 novembre, ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dalla Procura della Repubblica di Messina contro l’ordinanza con cui, nel dicembre 2017, il Tribunale del Riesame aveva annullato il decreto di sequestro disposto nei confronti di Francantonio Genovese e di alcuni suoi familiari, ritenendo insussistenti le condotte di riciclaggio ed autoriciclaggio agli stessi a vario titolo contestate, in relazione alle somme detenute all’estero. Di contrario avviso era stato l’Ufficio del Pubblico Ministero peloritano che aveva impugnato la decisione cautelare.

“La Suprema Corte – commenta il difensore, avvocato Nino Favazzo – ha ritenuto insussistenti le condotte di riciclaggio ed autoriciclaggio, a vario titolo contestate, in relazione alle somme detenute all’estero. Alla decisione del Riesame, l’accusa aveva impugnato la decisione cautelare, ma la linea difensiva, già condivisa dal Tribunale in sede cautelare, ha trovato ulteriore ed autorevole conferma in una decisione destinata a condizionare anche le valutazioni che la accusa dovrà assumere, circa la possibilità di continuare a coltivare in giudizio tali ipotesi di reato”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione