23 Gennaio 2019 Giudiziaria

ECCO I VERBALI – MESSINA: Calcioscommesse, parla il pentito LANZAFAME e fai i nomi

“Nel 2015 o 2016 mi trovavo insieme ad Eros Nastasi presso il casinò di Nova Gorizia in Slovenia. In quella circostanza, Nastasi mi propose di effettuare attraverso Planetwin365 o altri bookmakers delle scommesse su eventi calcistici del Messina Calcio. Nastasi, mi disse nello specifico che qualche giorno prima dell’incontro il presidente del Messina Calcio gli comunicava l’esito della gara oggetto di combine. Nastasi quindi effettuava anche tramite altri soggetti più scommesse in contemporanea e di cifre contenute sull’incontro oggetto di combine. Quindi Nastasi all’esito tratteneva una percentuale, non so indicare quale, e consegnava il resto al Presidente del Messina Calcio. Una percentuale era data anche ai singoli scommettitori. Nastasi, per effettuare le scommesse sulle partite truccate del Messina Calcio operava tramite una vera e propria struttura organizzata della quale mi propose di far parte. (…) In quella occasione Nastasi mi indicò pure dei nominativi dei componenti di questo gruppo che avevano il compito di effettuare le scommesse, tra questi Walter Marisca e altro soggetto di cui non riesco in questo momento a ricordare il nome… da li a poco io potei constatare in prima persona che Marisca e l’altro soggetto indicatomi da Nastasi, avevano un conto gioco su Planetwin 365 tramite il quale fecero grosse vincite, proprio su un evento del Messina Calcio. La vincita di Marisca ammontava a circa 40.000 euro. Io venni interessato – prosegue – in quanto responsabile per la Sicilia della Planetwin365. Ricordo che fui io a chiedere l’elenco dei nominativi che aveva riportato vincite sull’evento del Messina Calcio e fui io anche a comunicare all’azienda l’anomalia e a contribuire a bloccare alcuni pagamenti. Ricordo che Nastasi mi parlò del presidente del Messina Calcio come di colui che dava le informazioni e a cui era corrisposto la percentuale delle vincite. Non ricordo che Nastasi mi parlò di Arturo Di Napoli, non so chi sia Arturo Di Napoli. (…) (Nastasi) mi propose esplicitamente di entrare a far parte di questo gruppo con il precipuo ruolo di piazzare più scommesse tramite Planetwin365 e altre società di scommesse sull’evento il cui esito mi avrebbe di volta in volta comunicato… Io non ho aderito a questa proposta”. Poi Lanzafame fa riferimento ad altre tre persone, facendo alcune volte i nomi e riferendosi in altri casi ai presunti ruoli ricoperti: “Ricordo che Nastasi mi disse che il presidente del Messina Calcio era anche presidente di un’altra società di lega pro o di serie d con la quale effettuava altre combine, non ricordo se mi disse Juve Stabia. Non conosco Gugliotta Pietro, né ho sentito parlare di questi. Non conosco Stracuzzi Natale né ho sentito parlare di questi. Il nome di Berardi Alessandro non mi è nuovo, ma non ricordo in che occasione abbia sentito il suo nome. Conosco Palmisciano Giuseppe Ivan e più volte l’ho visto con Eros Nastasi in occasione di tornei di poker. Non so se fosse coinvolto nelle scommesse del Messina calcio. Lo saprei riconoscere in foto. Non conosco Russo Fabio, né ho sentito parlare di questi. non conosco Costa Alessandro, né ho sentito parlare di questi. Anzi forse l’ho sentito nominare da Eros Nastasi e ci siamo visti a Campione d’Italia. Non conosco Khalifeh Abdel Halim, né ho sentito parlare di questi. Il nome Panarello Giovanni non mi è nuovo, credo di averlo sentito nominare da Eros Nastasi e dovrebbe giocare anche lui a poker. Non conosco De Pasquale Andrea, né ho sentito parlare di questi. Conosco Pagano Claudio Leonardo, se non sbaglio dovrebbe essere di Giarre. E’ amico di Eros Nastasi e partecipa a giocate di Poker. Disponeva di un sito Palace777 insieme a Eros Nastasi e Palmisciano Giuseppe Ivan. Il sito Palace 777 apparteneva al clan Santapaola… Non conosco Russo Francesco né ho sentito parlare di questi…”. Dopo una pausa Lanzafame chiarisce: “..durante la pausa, utilizzando il mio cellulare, ho trovato la foto del secondo ragazzo oltre Marisca del quale Nastasi eros mi ha riferito come partecipe della struttura organizzata al fine di effettuare le scommesse sugli eventi truccati. Trattasi di De Pasquale Andrea, soggetto da me conosciuto perchè presentatomi da eros Nastasi durante tornei di poker. Lo ho conosciuto a Nova Goriza, ma in data antecedente rispetto a quella della proposta fattami da Nastasi per entrare a far parte della associazione. De Pasquale Andrea è di Patti… Eros Nastasi mi ha detto che il De Pasquale Andrea riceveva le informazioni sugli eventi combinati…Non ricordo di conoscere o di avere mai sentito parlare di Sparacio Salvatore. Adesso ricordo che Eros Nastasi mi parlo di tre squadre, una delle quali era il Messina, altra era sempre del Presidente del Messina e di una terza. La seconda forse è Juve Stabia, della terza non ricordo il nome”. E poi altri passaggi da verificare con le indagini: “Il nome Bar delle Rose lo ricollego a luogo ove si giocavano delle partite cash game di poker texano. Non me ne parlò Eros Nastasi, ma credo tale Roberto Nulli che è un giocatore di poker. Amico di Eros Nastasi… adesso credo di ricordare la partita dovrebbe essere Messina-Martina Franca“.

Sono questi i passaggi salienti dei due verbali depositati ieri agli atti dell’inchiesta sul calcio scommesse dal  PM Francesco Massara e pubblicati oggi dal quotidiano Gazzetta del Sud e da tempostretto.it. Risalgono al 18 giugno 2018 e al 15 gennaio 2019. A parlare è Fabio Lanzafame, classe ’72, siracusano, di professione bookmaker, referente per una grossa sigla internazionale delle zone di Catania e Siracusa.

E’ indagato, insieme ad Eros Nastasi e altri, nell’inchiesta che adesso  al vaglio del giudice per le indagini preliminari, ed è per questo che il magistrato titolare del caso ha deciso di uscire allo scoperto, due giorni fa, e depositare questi due verbali, svelando che  il master di Planet Wind ha deciso di collaborare anche con la giustizia messinese. Lanzafame, coinvolto in alte operazioni sia a Messina che a Catania, ha già riempito fiumi di verbali consegnati agli inquirenti entei, deponendo ai processi in corso, alla fine dello scorso anno.

Ha confermato le accuse al clan Cappello nella gestione delle sale slot, ha parlato del riciclaggio di denaro da e verso la Romania, ha vuotato il sacco sugli affari dei casalesi oltre frontiera.

Nelle 10 pagine depositate ieri dal Pm Massara ci sono altri nomi di soggetti in collegamento con Nastasi nell’affair combine del Messina-Calcio. E ci sono poi ampi passaggi coperti dagli omissis. L’udienza preliminare riprenderà il 25 marzo.

 

LEGGI ANCHE

La rettifica: «Marisca non ha mai conosciuto Eros Nastasi»