Migranti, Sea Watch va a Catania: maggiorenni trasferiti a Messina

30 Gennaio 2019 Mondo News

Il lungo viaggio della Sea Watch 3 si concluderà a Catania. A decidere che il porto etneo sarà quello in cui sbarcare i 47 migranti recuperati nel Mediterrano oltre una settimana fa è stato il ministero degli Interni.

Lo stallo che durava da diversi giorni, con la nave dell'ong tedesca ferma davanti il litorale aretuseo, si è sbloccato nelle scorse ore, dopo che il premier Giuseppe Conte ha annunciato l'accordo con altri sette paesi europei - tra i quali Francia e Germania - per la redistribuzione dei migranti.

Fondi del Viminale fanno sapere che il porto etneo è stato scelto per «la presenza di centri ministeriali per l'accoglienza dei minori». Nelle scorse ore il tribunale per i minorenni di Catania, presieduto da Maria Francesca Pricoco, ha emesso i provvedimenti per nominare i tutori di ciascuno dei minorenni presenti a bordo «al fine delle attività previste dalla disciplina interna e dalla normativa internazionale». Per i maggiorenni, invece, la destinazione finale sarà l'hotspot di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione