Chieste 44 condanne per i “furbetti” ex Provincia Messina

21 Febbraio 2019 Inchieste/Giudiziaria

di Enrico Di Giacomo – Chieste 44 condanne e 13 assoluzioni nel processo per i casi di assenteismo all’ex Provincia di Messina che vede imputati 57 tra dipendenti e funzionari di Palazzo dei Leoni. Il pubblico ministero Annalisa Arena, a conclusione del suo intervento, ha chiesto condanne che vanno da un anno a un anno e mezzo di reclusione. Il rappresentante dell’accusa ha chiesto anche 13 assoluzioni. Al centro del processo, che si svolge davanti al giudice monocratico, i risultati dell’inchiesta della Digos che, a dicembre 2012, monitoro’ con una serie di telecamere nascoste, servizi di osservazione e pedinamenti, l’ingresso e l’uscita dei dipendenti di Palazzo dei Leoni scoprendo che qualcuno strisciava il badge a posto di altri. Dalle immagini e’ emerso che alcuni dipendenti si sarebbero assentati, anche soltanto per poco tempo, dando il badge a colleghi che provvedevano a strisciare nella macchinetta al loro posto.

 

ARCHIVIO

L'INCHIESTA SULL'ASSENTEISMO ALLA PROVINCIA DI MESSINA: TUTTI I NOMI DEGLI INDAGATI

MESSINA, CRONACA DI UN'INCHIESTA ANNUNCIATA. I PARTICOLARI: ASSENTEISMO ALLA PROVINCIA, 59 INDAGATI. CONTESTATA LA TRUFFA. COINVOLTI FUNZIONARI E DIPENDENTI DELL'ENTE

MESSINA: Assenteismo alla Provincia, un altro dipendente coinvolto. E' Filippo Barrilà. Coinvolse una congiunta, facendole timbrare il “badge segnatempo” al suo posto. LA FOTO

MESSINA, L'INCHIESTA SULL'ASSENTEISMO ALLA PROVINCIA: IL CASO DEI DUE DIPENDENTI ACCUSATI DI DANNEGGIAMENTO ALLE TELECAMERE NASCOSTE DELLA DIGOS. I PARTICOLARI