100 chili, una pignolata da record: carnevale da guinnes a Messina

1 Marzo 2019 Culture

Una montagna di pignolata messinese del peso record di 100 chili, alta 1,30 metri e larga 90 centimetri circa sarà una delle attrattive principali che domenica animeranno “Faro In Festa 2019”, l’evento promosso dalle associazioni “Il Casale del Faro”, “Banda Giuseppe Verdi”, “Faro per Fare”, “Comitato feste Santissima Maria Assunta” e “Centro Educazione Ambientale” per festeggiare il Carnevale tra maschere, sfilate e animazione.

L’appuntamento è a Faro, frazione di Messina, dove nel pomeriggio si svolgerà la sfilata di carnevale. A partire dalle 19 circa si potrà gustare la maxi pignolata preparata da tre grandi professionisti messinesi, Giuseppe Arena, maestro gelatiere del Bar Export, Francesco Arena, bakery chef del Panificio Arena, Lillo Freni, pastry chef della pasticceria Freni.

La manifestazione “Faro in Festa” punta a valorizzare il territorio messinese e salvaguardare la storia, la cultura e le tradizioni. Non poteva quindi mancare la preparazione tipica del Carnevale, e i tre professionisti hanno pensato di realizzarne una da guinness dei primati.

E’ stato Giuseppe Arena (foto sopra) a coinvolgere gli amici Francesco e Lillo (foto sotto), che fanno parte dell’associazione degli Ambasciatori del Gusto.

 

 

“Per me è un grande privilegio collaborare con i due ambasciatori nella preparazione del dolce tipico del carnevale - ha affermato Giuseppe Arena -. Questo è il mio territorio e sono felice di contribuire con questa pignolata da record”.

Il dolce tradizionale per eccellenza di Messina - il cui nome deriva dalla particolare forma “a pigna” - si consuma ormai tutto l’anno ma è un dolce tipico del Carnevale.

 

“La pignolata è uno dei dolci che amo di più. Questo dolce da non confondere con altre simili produzioni di altre città siciliane, - spiega Lillo Freni - risale a qualche secolo fa; fu realizzato per il Carnevale, periodo storicamente povero di lavoro per le dolcerie, il tentativo riuscì, tant’è che il Carnevale pian piano s’impose per la grande quantità di pignolata prodotta, che servì da volano anche per la contemporanea vendita dei tradizionali cannoli siciliani. La pignolata, dal canto suo, divenne un dolce apprezzato tutto l’anno ed in occasione delle feste, soprattutto a Natale. Col passare del tempo, questo dolce riuscì a farsi apprezzare anche fuori dalle mura cittadine, e oggi grazie alla possibilità di spedizione anche in altre località, è divenuto uno dei dolci più richiesti dai clienti nazionali o esteri, che non perdono l’occasione di poter gustare la nostra specialità”.

“Siamo onorati di essere stati coinvolti in questa manifestazione – ha affermato Francesco Arena - e festeggiarlo nel paese dove sono cresciuto è molto bello”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione