Da Birrificio Messina a Gesco, al via primi investimenti impact per Sefea

15 Marzo 2019 Mondo News

di Una raccolta complessiva a 55 milioni di euro entro l’anno con investimenti ulteriori per 10 milioni in 15-18 imprese a impatto sociale e ambientale. È il programma che Fabio Salviato, presidente e amministratore delegato di Sefea Impact, delinea per Fondo Sì, il primo fondo sgr italiano che prevede strutturalmente la misurazione dell’impatto. Salviato anticipa i primi cinque progetti in cui il fondo ha già investito per un valore di 3,2 milioni di euro (attingendo a una prima dotazione del fondo pari a 15 milioni di euro, grazie a Fondazione per il Sud , Fondazione Peppino Vismara e diverse banche popolari).

Dopo aver censito 170 progetti complessivi, Fondo Sì ha dato il via libera ai primi cinque investimenti. Si tratta del Birrificio Messina, rinato nel 2013 come cooperativa e che, a seguito di un accordo commerciale con Heineken, vedrà raddoppiare la produzione e l’occupazione con la necessità di acquistare nuovi macchinari (il fondo investe 750mila euro). A Cinisi invece il fondo interviene con l’acquisto di titoli di debito: il minibond per 340mila euro contribuirà all’acquisto di macchinari e al potenziamento delle attività della Tonnara dell’Orsa destinata dal Comune a centro culturale, di intrattenimento e di ristorazione. Operazione diversa invece sull’Immobiliare sociale bresciana dove 1,2 milioni serviranno all’acquisto di Npl dal sistema bancario per società cooperative del territorio in difficoltà il cui patrimonio immobiliare viene ridestinato a progetti di housing sociale. A Napoli 500mila euro sono investiti per raddoppiare la flotta auto e le colonnine del car sharing elettrico Amicar promosso da Gesco, un gruppo di imprese sociali. Infine a Padova 500mila euro sosterranno il potenziamento della struttura produttiva della cooperativa Riesco nell’ambito della ristorazione.

Per quanto riguarda i capitali il primo closing di agosto 2018 a 15 milioni di euro è stato possibile grazie a Fondazione per il Sud (10 milioni), Fondazione Peppino Vismara e diverse banche popolari. “Ora stiamo chiudendo con il Fei per 10 milioni e siamo a buon punto con diverse Fondazioni bancarie e con fondi pensioni” spiega Salviato guardando all’obiettivo complessivo di 55 milioni per il 2019. Il rendimento medio atteso del fondo di impact investing – aperto solo a investitori istituzionali – è di circa il 6 per cento.

Il fondo investe in realtà di diversa natura giuridica comprese società di capitali purché con impatto sociale e ambientale misurabile. “In futuro accanto al fondo generalista – aggiunge Salviato – creeremo fondi settoriali, ambiente, energia welfare ecc, iniziativa che ci consentirà anche di affinare le metriche di valutazione”.

Sefea Impact – che si avvale della consulenza del Centro Tiresia del Politecnico di Milano – è stata promossa dalla Fondazione di Comunità di Messina e da Sefea Holding Sc, società finanziaria cooperativa di cui sono socie anche 15 istituzioni finanziarie etiche europee con un bilancio aggregato di circa 24 miliardi di euro. Rassegnaweb da https://www.ilsole24ore.com

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione