Messina: scippatore finisce ai domiciliari. Vittime donne anziane e sole

8 Aprile 2019 Cronaca di Messina

Sceglieva con cura le sue vittime: tutte donne e in età avanzata, che sorprendeva alle spalle e a cui scippava la borsa per poi liberarsene dopo aver arraffato denaro contante e carte di credito.

Solitamente pochi spiccioli per i quali era disposto a tutto perfino a provocare traumi alle malcapitate sulle quali si scagliava con violenza e senza scrupolo alcuno.

Ogni volta la borsetta è stata ritrovata abbandonata in strada e con ancora dentro le foto delle persone care, un’immaginetta sacra, l’agendina con i numeri telefonici più importanti.

Dalle carte di credito il malvivente non è riuscito a cavare un euro o perché necessario il codice di accesso o per mancanza di denaro sul conto.

A dare un’identità allo scippatore ci hanno pensato i poliziotti delle Volanti della Questura di Messina e i carabinieri della Stazione di Spadafora, dove è stato messo a segno uno dei colpi. Le indagini interforze, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina, hanno permesso di ricostruire il modus operandi dell’uomo e ogni singolo episodio delittuoso realizzato.

Fondamentali i riscontri effettuati dalla Polizia di Stato e dall’Arma dei Carabinieri sulle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza delle zone teatro dei reati consumati e  sui tabulati telefonici; preziose le testimonianze di chi ha notato l’uomo scappare o frugare in una borsetta da donna.

Il responsabile degli scippi è Piero DE VITA, messinese, 31 anni, sottoposto sabato scorso alla misura cautelare degli arresti domiciliari con applicazione di braccialetto elettronico.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione