Ex Province, l’Anci Sicilia sposa la protesta di De Luca: Subito 300 mln per chiudere i Bilanci

11 Aprile 2019 Politica

“Così non si può andare avanti”. Questa la conclusione alla quale è giunto il consiglio regionale di Anci, che si è riunito oggi a Palermo, per affrontare la delicata problematica delle ex Province siciliane. L’organo rappresentativo dei Comuni siciliani si associa alla protesta del sindaco metropolitano di Messina, Cateno De Luca, condividendone le rivendicazioni. Bisogna reperire almeno 300 milioni di euro per consentire agli Enti di chiudere i Bilanci e scongiurare il dissesto e bisogna programmare investimenti per strade, scuole e sociale. Ma è una corsa contro il tempo, per questo si chiedono provvedimenti d’urgenza.