Messina, carabiniere sotto accusa sale sul duomo e minaccia di darsi fuoco

2 Maggio 2019 Cronaca di Messina

Salvatore Scardigno, 51 anni, brigadiere dei carabinieri, indagato per una presunta concussione, è salito stamani sul pulpito del Duomo di Messina cosparso di benzina, minacciando di darsi fuoco. Protesta chiedendo sia fatta chiarezza sul suo caso giudiziario. Dopo qualche ora, avuta rassicurazione che avrà un incontro con un rappresentante delle istituzioni é sceso.

Scardigno, secondo l’inchiesta, avrebbe preteso un regalo da un allevatore, mentre era in servizio a Villa San Giovanni, promettendogli in cambio che non lo avrebbe multato. Non è la prima volta che il carabiniere mette in scena delle proteste: la scorsa volta era salito sul campanile del Duomo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione