MESSINA. Controlli della Guardia di Finanza. Sequestrati in un negozio del centro capi d’abbigliamento contraffatti

7 Maggio 2019 Cronaca di Messina

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio finalizzati alla tutela della sicurezza economica e finanziaria, hanno sequestrato un ingente numero di capi di abbigliamento contraffatti in negozi del centro cittadino. Nel corso degli ordinari servizi di controllo del territorio, sono state intensificate le attività di contrasto alla contraffazione, che hanno portato ad effettuare due sequestri in altrettanti negozi di abbigliamento. In particolare, i finanzieri hanno individuato nel quartiere Provinciale di Messina un negozio di articoli sportivi “sospetto”, che offriva alla libera vendita scarpe di marchi famosi, come Adidas, Fila e Saucony, ad un prezzo nettamente inferiore a quello di mercato. A seguito di preliminari accertamenti è scattato il sequestro: all’interno del negozio sono state sequestrate circa 350 paia di scarpe, ed il titolare è stato denunciato a piede libero per violazione della normativa sul diritto d’autore e per il reato di ricettazione.

Inoltre, nei pressi della centralissima Piazza Cairoli, è stato individuato un negozio di abbigliamento, “Daddy & Son”, che poneva in vendita capi di abbigliamento di marchi famosi, come Fred Perry, Lacoste, Harmont & Blaine e Ralph Lauren. Anche in questo caso, i preliminari accertamenti hanno portato a ritenere contraffatti – sempre secondo la Guardia di Finanza – i capi di abbigliamento: sono stati, pertanto, sequestrati oltre 150 capi di abbigliamento tra maglie e pantaloni, ed il titolare, anche in questo caso, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. I sequestri sono stati effettuati dai finanzieri della “Sezione Operativa Pronto Impiego”, i Baschi Verdi del Gruppo di Messina, militari specializzati quotidianamente impegnati nei servizi finalizzati al contrasto degli illeciti economico-finanziari connessi al commercio di prodotti contraffatti, nei settori connotati da maggiore pericolosità sociale, come lo spaccio e il traffico di sostanze stupefacenti, e nei servizi di concorso al mantenimento dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica in ambito Provinciale. Tali attività confermano il continuo e quotidiano impegno della Guardia di Finanza nel contrasto a tutti i traffici di natura illecita, a salvaguardia dell’economia legale ed a tutela della salute e della sicurezza pubblica.

 

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO UNA PRECISAZIONE DELL’AVV. MASSIMO MAIORANA RELATIVA AL SEQUESTRO DI CAPI D’ABBIGLIAMENTO NEL NEGOZIO DADDY & SON:

IN MERITO ALL’ARTICOLO APPARSO SUL VOSTRO SITO OCCORRE IMMEDIATAMENTE PRECISARE CHE LA CONTRAFFAZIONE E’ SOLO PRESUNTA E CHE IL SEQUESTRO E’ DI CARATTERE PREVENTIVO. SI PRECISA CHE L’AZIENDA E’ IN POSSESSO DI TUTTA LA DOCUMENTAZIONE FISCALE CHE ACCERTA LA PROVENIENZA E L’AUTENTICITA’ DEI BENI SOTTOPOSTI A SEQUESTRO.

AVV. MASSIMO MAIORANA

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione