ELEZIONI EUROPEE 2019: APERTURA STRAORDINARIA UFFICI COMUNALI PER RILASCIO TESSERE ELETTORALI E CARTE D’IDENTITÀ

20 Maggio 2019 Politica

In occasione delle elezioni dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia di domenica 26 maggio è possibile ottenere il rilascio delle tessere elettorali agli sportelli dell’ufficio elettorale di Palazzo Zanca, oltre che nei consueti orari di apertura al pubblico, anche nelle giornate di venerdì 24 e sabato 25, dalle ore 9 alle 18; nella giornata di voto, domenica 26, dalle 7 alle 23 e nelle sedi delle sei circoscrizioni. Nel dettaglio la I circoscrizione sulla S.S.114 bivio Larderia a Tremestieri; II circoscrizione – Palazzo Servizi stadio san Filippo; III circoscrizione – plesso scolastico “La Pira” Camaro San Paolo; IV circoscrizione – via dei Mille is. 88 n. 257; V circoscrizione – via Nicola Petrina, 2 villa Lina; e VI circoscrizione ufficio staccato – via Lago grande Ganzirri. Si invitano gli elettori a verificare se siano in possesso della tessera elettorale e se la stessa sia utilizzabile per la presenza di spazi ove attestare, mediante timbratura, l’avvenuto esercizio del diritto di voto. La tessera elettorale si può consegnare soltanto al titolare; per la consegna ad altri soggetti è necessaria la delega sottoscritta dal titolare e corredata da fotocopia del documento d’identità del delegante. Relativamente alle carte d’identità è possibile ottenerne il rilascio, oltre che all’ufficio carte d’identità a Palazzo Zanca, sempre nelle giornate di venerdì 24 e sabato 25, dalle ore 9 alle 18, e nella giornata di voto, domenica 26, dalle 7 alle 23, anche nelle sedi della I, V e VI circoscrizione. Ai sensi dell’art. 57 del D.P.R. n.361/1957 gli elettori, per essere ammessi a votare, devono esibire la carta d’identità o altro documento d’identificazione rilasciato dalla pubblica amministrazione, purché munito di fotografia (primo comma) e che, ai fini dell’identificazione degli elettori, siano valide anche le carte d’identità e gli altri documenti di identificazione scaduti, purché i documenti stessi risultino sotto ogni altro aspetto regolari e possano assicurare la precisa identificazione del votante (secondo comma). Il ministero dell’Interno ha altresì stabilito, ai sensi della circolare n. 2 del 14 febbraio 2018, che gli elettori possono essere identificati anche mediante la ricevuta della carta d’identità elettronica, poiché essendo munita della fotografia del titolare, dei relativi dati anagrafici e del numero della CIE cui si riferisce, risponde ai requisiti di documento di riconoscimento di cui all’art.1, comma 1, lett.c) D.P.R. n.445/2000.