Il volo dei falchi dello Stretto sbarca su Geo&Geo

28 Maggio 2019 Culture

Per chi ama la natura è un appuntamento da non perdere quello con la liberazione dei falchi sui Monti Peloritani di Messina. Uno spettacolo magico che ormai ogni anno, ad aprile, ci regalano i volontari del Centro Recupero Fauna Selvatica “Stretto di Messina”,  del dipartimento sviluppo rurale.

Un rituale quello del volo dei rapaci sui Colli che oggi  pomeriggio è approdato nella trasmissione Geo&Geo della Rai. Non è la prima volta che la diretta quotidiana in compagnia di Sveva Sagramola e del fotografo naturalista Emanuele Biggi si occupa del lavoro appassionato per il recupero della fauna selvatica affidato all’Associazione Mediterranea per la Natura, di cui fanno parte l’ambientalista Anna Giordano e Deborah Ricciardi, impegnata ancora, fino al 26 maggio, sui Monti Peloritani il trentaseiesimo campo di osservazione e difesa dei rapaci e delle cicogne“ che ogni anno richiama volontari da tutto il mondo.

Oggi la trasmissione si è occupata anche dell’operazione Adorno, che nello Stretto ha portato al sequestro di armi, munizioni e numerosi esemplari protetti.

Si tratta di un servizio antibracconaggio portanto avanti da un omando speciale dei Carabinieri nello Stretto.

A poco più di  tre settimane dall’avvio, l’Operazione ha fatto registrare, fra Messina e Reggio un arresto e otto denunce a piede libero. In particolare sono stati “salvati” oltre 120 esemplari di varie specie di uccelli tutte particolarmente protette dalla legge tra cui ben 3 esemplari vivi di Falco Pellegrino (Falco Peregrinus) destinati al mercato illegale della fauna selvatica. L’area dello Stretto di Messina rappresenta uno degli ambiti territoriali con la maggiore ricchezza di avifauna migratoria.