I NOMI e IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA – Messina, indagine della Mobile. Sospesi quattro dipendenti delle Poste Italiane

29 Maggio 2019 Cronaca di Messina

Posted by stampalibera.it on Wednesday, May 29, 2019

 

Nella giornata di ieri 28 maggio, si è data esecuzione alla misura interdittiva della sospensione dall’ufficio o servizio pubblico con riguardo a qualsivoglia attività e funzione nell’ambito dell’ente Poste Italiane spa per la durata di mesi 4 decorrenti dall’inizio dell’esecuzione, disposta dal locale GIP Monica Marino nei confronti di quattro dipendenti dell’ente poste (l’ex direttrice del Centro Cpd di via Olimpia, Angela Cingari, i capisquadra del Cpd Giuseppe Scarcella e Alfio Chiarenza, e poi il portalettere Marco Ciraolo) perché, in concorso tra loro e nei rispettivi ambiti professionali, che esercitavano presso il Centro Postale Primario di Distribuzione di via Olimpia, sono stati ritenuti responsabili dei reati di interruzione di pubblico servizio (artt.110 e 340 c.p.) e truffa aggravata ( art. 110 e 640 c2 c.p).

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile diretti da Franco Oliveri (nella foto e nel video la conferenza stampa di questa mattina) e coordinate dal pm Antonio Carchietti, hanno evidenziato che il mancato recapito della corrispondenza in città non era fenomeno riconducibile ad un mero disservizio, ma ad una precisa scelta dei responsabili del centro. Nel corso dell’attività, iniziata nel 2016 e protrattasi per circa un anno, esperita anche con attività tecniche, sono stati effettuati dei sequestri di corrispondenza in parte destinata al macero ed in parte da restituire al mittente, nonostante i rispettivi destinatari risultassero ordinariamente ed agevolmente rintracciabili all’indirizzo indicato sulle missive. E’ risultato che gli indagati turbavano la regolarità del servizio pubblico cui erano preposti e segnatamente omettevano volontariamente il recapito di plichi postali ai destinatari formalmente giustificando tale omissione – mediante la compilazione del cd. modello 24B – in ragione della asserita non rintracciabilità o irreperibilità dei destinatari, pur a fronte dei dati desumibili dalla compilazione della corrispondenza che in realtà avrebbero consentito l’esatta individuazione dei destinatari e la regolare consegna della posta, e ciò al fine di procurare a sé stessi un ingiusto profitto – consistente nell’indebito conseguimento di premi economici di produzione e di incentivazione operativa – in virtù del solo apparente “smaltimento” della corrispondenza che di fatto, invece, non veniva recapitata ma destinata al macero.

Inizialmente gli investigatori avevano avviato le verifiche anche sul ruolo di tre trimestrali impiegati al Centro per il recapito, la cui posizione è stata poi stralciata, non essendo emersi reati a loro carico.

 

LEGGI ANCHE

MESSINA: Disservizi postali, sono sette gli indagati. I NOMI. La svolta nell’inchiesta sul mancato recapito di atti e il “caos” al centro smistamento di via Olimpia