#VIDEO E FOTO – PRIDE DELLO STRETTO, UN FIUME ARCOBALENO PER DIRE NO A QUALUNQUE DISCRIMINAZIONE

9 Giugno 2019 Cronaca di Messina

Posted by stampalibera.it on Saturday, June 8, 2019

Posted by stampalibera.it on Saturday, June 8, 2019

 

FOTO ENRICO DI GIACOMO

Oltre 3000 le persone che hanno partecipato al primo “Pride” della città di Messina. Tanti giovani, ma anche famiglie e anziani hanno animato la parata che partita da piazza Antonello ha percorso tutto il corso Cavour, la via Tommaso Cannizzaro e la via Garibaldi, fino a giungere a piazza Unione europea.

Balli, striscioni, abiti coloratissimi e luccicanti hanno contraddistinto il fiume arcobaleno che ha invaso il centro cittadino. Moltissime le persone giunte dalla vicina Calabria, dalla provincia e anche da altre città dell’Isola.
Presenti anche delegazioni di studenti, sindacati e movimenti. Molto soddisfatti gli organizzatori del primo “Stretto Pride” che da mesi lavoravano alla buona riuscita dell’evento che si è svolto senza incidenti e disordini.

A rendere ancor più colorito il corteo la presenza di drag queen, palloncini e uno dei simboli della giornata, una riproduzione della statua del Nettuno dipinta dei colori arcobaleno.

“Pride dello Stretto”, è l’evento finale di un mese di attività, che ha visto impegnata la società civile messinese sui temi dei diritti civili a partire dall’affermazione dei diritti della comunità lgbtqi.

Duca: “Orgogliosi di tanta partecipazione”

“Siamo orgogliosi di vedere tanta partecipazione al Pride dello Stretto, che vuole rivendicare con forza l’applicazione dell’articolo 3 della Costituzione che deve essere applicato concretamente e non restare solo una norma scritta”, ha detto Duca a fine manifestazione. “Come comunità omosessuale abbiamo ottenuto qualche diritto in più, ma ancora è poco rispetto a quello che dovremmo avere, parlo ad esempio delle adozioni. Si tratta di un Pride molto partecipato, con cinquanta associazioni e cento sponsor che ci hanno aiutati a organizzarlo, e la partecipazione di movimenti, partiti e sindacati. Ricordiamo come comunità gay messinese – conclude Duca – anche Wanda, travestito ucciso 15 anni fa, secondo noi per un atto omofobo. Per questo abbiamo chiesto la riapertura delle indagini”.