Crolla il tetto della piscina del complesso Cappuccini a Messina. Art. 1, ‘Emblematico della condizione complessiva della città’

21 Giugno 2019 Cronaca di Messina

È crollato nel pomeriggio il tetto della piscina del complesso sportivo Cappuccini di Messina. La struttura, era stata realizzata in legno lamellare in occasione della ristrutturazione degli impianti per le universiadi del 1997. Lo schianto è avvenuto in un periodo in cui la piscina, affidata alla società Waterpolo, era chiusa al pubblico per i lavori. Da una decina di giorni per delle criticità che erano state riscontrate la struttura era stata interdetta al pubblico: una precauzione che ha evitato una vera e propria strage, se la piscina fosse stata aperta. Nessuno era presente al momento del crollo della copertura.

Le reazioni

Sul crollo del tetto della Piscina Cappuccini è intervenuto con una nota il Segretario Provinciale di Articolo Uno, Domenico Siracusano.

“Lo schianto del tetto della Piscina Cappuccini a Messina – spiega Siracusano – è emblematico della condizione complessiva della città. Sì discute, si divaga, si fanno continue “sceneggiate” ma la città crolla a pezzi. Serve una classe dirigente che pensi al governo della città a partire dalle cose fondamentali come la sicurezza dei cittadini. Occorre responsabilità e rigore – conclude Siracusano- per ridare una prospettiva credibile a Messina e ai suoi cittadini”.