Concorsi truccati, per il prof. Fedele era stato chiesto il divieto di dimora. Indagine firmata anche da Sebastiano Ardita

29 Giugno 2019 Inchieste/Giudiziaria

Nell’inchiesta Università Bandita, la Procura di Catania aveva chiesto solo il divieto di dimora per uno dei 10 indagati sospesi dal Gip: il professore Giuseppe ‘Uccio’ Barone (direttore Scienze politiche e sociali UniCt). Il procuratore Carmelo Zuccaro, l’allora aggiunto Sebastiano Ardita, adesso al Csm, e i sostituti Marco Bisogni, Raffaella Agata Vinciguerra e Santo Bisogni – come riporta l’agenzia ANSA – avevano chiesto il divieto di dimora a Catania per altri 26 indagati: Luca Vanella (docente prima fascia UniCt), Marinella Astuto (professoressa associata UniCt), Piero Baglioni (ordinario UniFi, con richiesta divieto dimora anche a Firenze), Antonio Barone (docente prima fascia UniCt), Giovanna Cigliano (professoressa associata UniNa ‘Federico II’, con richiesta divieto dimora anche a Napoli), Umberto Cillo (ordinario UniPd, con richiesta divieto dimora anche a Padova), Giorgio Conti (ordinario a La Cattolica di Roma, con richiesta divieto dimora anche a Roma), Vera Maria Lucia D’Agata (associata Scienze biomediche Uni Ct), Stefano De Franciscis (docente prima fascia dell’UniCz, con richiesta divieto dimora anche a Catanzaro), Santi Fedele (ordinario UniMe, con richiesta divieto dimora anche a Messina), Enrico Foti (direttore Ingegneria civile e Architettura UniCt), Sebastiano Angelo Granata (ricercatore tipo B Scienze politiche e sociali UniCt), Salvatore Giovanni ‘Salvo’ Gruttadauria (ordinario Chirurgia generale UniCt), Calogero Guccio (ordinario Economia e imprese UniCt), Alfredo Guglielmi (ordinario UniVr, con richiesta divieto dimora anche a Verona), Giampiero Leanza (ordinario Scienze del farmaco UniCt), Paolo Mazzoleni (ordinario Scienze biologiche UniCt), Maura Monduzzi (ordinario UniCa, con richiesta divieto dimora anche a Bologna), Giuseppe ‘Pippo’ Mulone (ordinario UniCt), Paolo Navalesi (ordinario UniCz), Giovanni Matteo Negro (ordinario UniCt), Vincenzo ‘Nino’ Perciavalle (ordinario in quiescenza UniCt), Stefano Giovanni Puelo (direttore Scienze mediche UniCt), Maria Alessandra Ragusa (ordinario Matematica e informatica UniCt), Antonino Tony Recca (ex rettore UniCt) e Salvatore Saccone (docente prima fascia UniCt).

La richiesta della Procura, a conclusione di un atto da 1.049 pagine, era più articolata. Erano stati chiesti provvedimenti cautelari per 40 delle 66 persone indagate: 13 arresti domiciliari, 27 divieti di dimora, e nessun provvedimento per gli altri 26 indagati. I domiciliari erano stati chiesti oltre che per Basile, Magnano di San Lio e Pignataro, anche per i professori sospesi: Michela Maria Benedetta Cavallaro (direttrice del dipartimento di Economia e impresa UniCt), Filippo Drago (direttore Scienze Biomediche e biotecnologie UniCt), Giovanni Gallo (direttore Matematica e informatica UniCt), Carmelo Giovanni Monaco (direttore Scienze biologiche, geologiche e ambientali UniCt), Roberto Pennisi (direttore Giurisprudenza UniCt), Giuseppe Sessa (presidente coordinamento facoltà Medicina UniCt). Gli arresti domiciliari erano stati chiesti anche per Massimo Libra (ordinario di Scienze biomediche UniCt), Ferdinando Nicoletti (ordinario e componente del dipartimento Scienze biomediche UniCt), Giuseppe Pappalardo (ordinario e membro interno del concorso per Rtda nel settore scientifico informativo bandito il 7 giugno 2017) e Giovanni ‘Gianni’ Puglisi (direttore di Scienze del farmaco di UniCt).