“Patti & Affari”, 7 condanne. Assolto ex sindaco ed ex assessori

29 Giugno 2019 Inchieste/Giudiziaria

Dopo oltre dieci ore di camera di consiglio il tribunale di Patti, ha emesso in nottata la sentenza del processo "Patti & Affari", inchiesta che nell'agosto del 2015 portò all'arresto di 7 persone e all'emissione di 39 avvisi di garanzia per reati contro la pubblica amministrazione.

La pena più alta è stata inflitta all'impiegato comunale Salvatore Colonna, condannato a 6 anni e 4 mesi di reclusione oltre all'interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni.

Il tribunale ha inoltre condannato a un anno di reclusione Michele Cappadona, Giuseppe Catalfamo, Giuseppe Giarrizzo e Carmelo Raneri; a 1 anno e 6 mesi di reclusione Oreste Casimo, con l'interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena; e a 2 anni di reclusione Tindaro Giuttari. Per tutti pena sospesa.

Assolti, invece, perché il fatto non sussiste, il sindaco di Patti Mauro Aquino, l'ex assessore Nicola Molica, Concettina Buzzanca, Antonino Caleca, l'ex assessore Giorgio Cangemi, Antonella Cappadona, Renato Cilona, ex sindaco di Librizzi, Roberto Corrente, Gaetano Di Dio Calderone, Venera Franca Falliano, Nicola Giuttari, ex consigliere comunale, Marcella Gregorio, Cisco Gullo ex vice sindaco, gli ex assessori Salvatore Impalà, Antonino Lena, Paolo Mastronardi e Stefano Mollica; Luciana Panissidi, Domenico Pontillo, Nunzio Pontillo, Maria Tumeo, e l'ex sindaco Giuseppe Venuto. Per intervenuta prescrizione non si è proceduto nei confronti di Salvatore Giordano.

L'inchiesta, avviata nel 2012, venne condotta dalla polizia del locale commissariato e dalla squadra mobile di Messina, coordinati dall'allora Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Patti Rosa Raffa, e dal sostituto Rosanna Casabona. Al centro del processo una presunta frode nell’affidamento della gestione dei servizi sociali del Comune di Patti.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione