Salvini in spiaggia a Taormina: “L’Italia sarà salvata dalla gente che vota”

11 Agosto 2019 Cronaca di Messina

Matteo Salvini è giunto in Sicilia per il Beach Tour nel sud Italia. Bagno di folla al Lido Caparena di Taormina per il vicepremier che si è intrattenuto con i bagnanti.

Selfie e applausi per il ministro dell'Interno che ai giornalisti ha ribadito che "l'Italia verrà salvata da 60 milioni di abitanti che voteranno, a meno che qualcuno non pensi che sia popolata da barbari, in democrazia la parola spetta al popolo". Una frecciata all'indirizzo dei Beppe Grillo che solo 24 ore prima aveva criticato Salvini.

"Macchè dittatore, chiedo le elezioni...", ha poi aggiunto, rispondendo a una domanda sui "pieni poteri" che ha chiesto nei giorni scorsi agli italiani. "I dittatori non vogliono le elezioni, io voglio le elezioni - ha detto -. Poi c'è una Costituzione che regola i poteri, io voglio un Governo stabile per cinque anni, non un esecutivo che litiga. Sono quelli che non vogliono le elezioni a non amare la democrazia. Più che chiedere le elezioni, più che dare la parola al popolo, più democratico di così cosa puoi volere dalla vita...".

"Un governo Renzi-Grillo-Boschi-Fico?Ma dai, siamo seri, ogni giorno che si perde è un danno per l’Italia. Prima si fissa la data delle elezioni più si fa il bene dell’Italia. Prima il popolo decide, prima c'è il nuovo Parlamento, prima si fa la manovra economica e prima l’Italia riparte. Chi perde tempo tifa per l’aumento delle tasse e per il caos. Chi perde tempo è perché vuole conservare la poltrona, da Renzi me lo aspettavo, da Grillo un po' meno...".

E Salvini commenta anche l'atteggiamento di Nicola Zingarettidefinendolo "coerente". "Tutto il Pd ha insultato per un anno Di Maio, Conte, Fico, è coerente dire che dopo questo governo c'è il voto. Se comanda sempre Renzi nel Pd? L'intervista - continua - oggi l’ha fatta lui, però c'è un segretario di partito che conto rispetti la democrazia".

Il ministro ha poi voluto precisare di avere "totale fiducia e rispetto del presidente Mattarella, che mi sembra abbia ben chiaro il bene dell’Italia".

Dopo aver salutato i giornalisti, Salvini si è intrattenuto con i bagnanti che lo acclamavano e poi è giunto fino alla battigia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione